"Premio FORUM PA 2017: 10x10 = cento progetti per cambiare la PA", focus su Scuola e Agricoltura

FPA, consapevole dell’importanza della digitalizzazione come leva per migliorare l’organizzazione e i processi della PA, ha lanciato il contest "10x10 = cento progetti per cambiare la PA". Come dice il titolo del contest, a cui si potrà partecipare fino al 10 aprile prossimo, si vogliono raccogliere, selezionare e promuovere i migliori 10 progetti/prodotti candidati all'interno di dieci ambiti. Cominciamo questa settimana un breve viaggio tra gli ambiti del contest. Partiamo dalla Scuola digitale e dall'Agricoltura intelligente.

"Scuola e educazione digitale"
Un ambito molto attuale, anche in vista degli obiettivi de PNSD (Piano Nazionale Scuola Digitale) che investono tutte le aree di interesse: la didattica, l’organizzazione dei tempi e degli spazi, la digitalizzazione dei processi gestionali, i contenuti.

Nonostante nelle scuole italiane sia stato riscontrato un buon livello di digitalizzazione dei processi amministrativi gestionali (attuata dal 75% degli istituti, su un campione statistico di 630 scuole), è ancora scarso l’utilizzo delle tecnologie per lo svolgimento dell'attività didattica e tra i fattori che frenano l’innovazione c’è la resistenza al cambiamento del corpo docente e personale ATA. Questo è quanto è emerso da due recenti ricerche realizzate rispettivamente dall’Osservatorio eGovernment della School of Management del Politecnico di Milano sul tema della diffusione del digitale all’interno dei processi scolastici e da Link Campus University con il supporto dell’Università degli Studi Roma Tre sull’utilizzo del digitale nella didattica, entrambe in collaborazione con ANP - Associazione Nazionale Dirigenti e alte professionalità della scuola.

La sfida dell’educazione nell’era tecnologica non può essere una semplice funzione della quantità/qualità delle risorse digitali disponibili, infatti la ricerca menzionata, quella sull’utilizzo del digitale nella didattica (realizzata tra gennaio e marzo 2016 su oltre 1000 docenti), rileva una buona diffusione della connessione internet in classe (83%), della LIM (70%), del personal computer o tablet forniti dalla scuola (57%). Diventa, dunque, fondamentale aiutare la scuola ad acquisire soluzioni digitali che facilitino il cambiamento e che orientino verso la consapevolezza dell’utilizzo degli strumenti informatici nella scuola e nei programmi scolastici, verso l’importanza della formazione permanente del personale scolastico.

In questo ambito del contest "10x10 = cento progetti per cambiare la PA" rientrano le soluzioni volte a sostenere e promuovere la costruzione di un ambiente di apprendimento innovativo in cui, attraverso l’utilizzo delle tecnologie, vengono attivati progetti formativi basati sulla interazione degli studenti alla creazione dei contenuti e progetti.

“Agricoltura Intelligente: dematerializzazione, sburocratizzazione, agricoltura e digital transformation, IoT per la coltivazione”

La digital transformation, al centro dello sviluppo di qualsiasi settore dell’economia, segna un passaggio epocale anche nel sistema agricolo e agroalimentare del nostro Paese: da una conduzione aziendale dalle forti tradizioni millenarie ai primi strumenti innovativi di digitalizzazione previsti nel Piano Agricoltura 2.0; da una realtà agricola e rurale basata sull’esperienza atavica degli agricoltori all’Agricoltura di Precisione, ovvero all’introduzione di modelli di produzione e gestione aziendale attraverso tecnologie dell’Internet of Things - IOT.

Il Piano Agricoltura 2.0 prevede interventi di semplificazione amministrativa e di processo finalizzati a ridurre drasticamente il carico burocratico per gli agricoltori e il ricorso a processi non informatizzati, con l’obiettivo di eliminare la burocrazia inutile e ridurre a zero l'utilizzo di carta. I progetti chiave del Piano sono: l’Anagrafe Unica Nazionale delle Aziende Agricole; il Fascicolo Aziendale Unico; la Domanda PAC pre-compilata; la Banca Dati Unica dei Certificati; il Sistema Gestione del Rischio; il Pagamento Anticipato; la Domanda Unificata; la Domanda Grafica.

Il quadro normativo Agricoltura 2.0, reso noto nel 2014 dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari, è inserito nel Piano Crescita Digitale, approvato dal Consiglio dei Ministri.

L'agricoltura è in fase di trasformazione e un ruolo fondamentale è attribuito alla cosiddetta Agricoltura di Precisione. L’AdP riguarda la strategia gestionale dell'agricoltura basata sui principali modelli di produzione delle tecnologie IoT e dell’osservanza di una serie di misure e azioni. Attraverso sistemi di agricoltura di precisione, il Ministero si è posto l’obiettivo di passare dall’attuale 1% di superficie agricola coltivata in Italia al 10% entro il 2021. Il MIPAAF ha inserito una serie di misure dedicate all’innovazione produttiva nella filiera agricola e agroalimentare tra gli incentivi previsti da Industria 4.0.

Il Ministero sta lavorando ad un Piano di Azione specifico e nel frattempo ha inserito, tra gli incentivi previsti dal Piano Nazionale Industria 4.0, una serie di azioni dedicate all’innovazione produttiva nella filiera agricola e agroalimentare, quali: “Interventi per l’accesso delle imprese agricole alle misure di sostegno agli investimenti per l’acquisto di tecnologie 4.0, investimenti per favorire l’accesso delle imprese alla banda ultralarga, il potenziamento della ricerca e del trasferimento tecnologico in ambito agricolo ed agroalimentare”.

Nella digital transformation emerge il ruolo degli innovatori digitali, chiamati a proporre idee progettuali da attuare nel sistema del comparto agroalimentare. Non resta che rispondere alla call.

Per partecipare consulta il regolamento e compila il form di partecipazione!

 

Statistiche

Numero di soluzioni 1300
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?