Automobile Club d'Italia

L’Automobile Club d’Italia è la Federazione che associa gli Automobile Club e, in virtù della Legge n.70 del 1975, è un Ente Pubblico non economico la cui missione è quella di rappresentare e tutelare gli interessi generali dell'automobilismo italiano, del quale promuove e favorisce lo sviluppo.

L’Ente è articolato in una struttura centrale composta da Direzioni Centrali e diversi uffici, servizi e funzioni.

L’organizzazione periferica si articola in Unità Territoriali e alcune Direzioni Regionali con funzione di raccordo generale dell’azione dell’ACI sul territorio.

ACI svolge importanti funzioni per conto dello Stato, e su base normativa gestisce servizi nell’interesse della collettività. Il servizio che lo Stato ha delegato ad ACI (con legge 19/02/1928 n. 510) è il Pubblico Registro Automobilistico: il PRA, gestito dall’ACI attraverso le proprie Unità Territoriali presenti sul territorio, è l’Istituto che registra e certifica la proprietà dei veicoli.

L’ACI svolge ope legis a beneficio delle Province, attraverso i propri Uffici Provinciali, l’attività di riscossione e controllo dell’Imposta Provinciale di Trascrizione - IPT, prevista dal D.Lgs n. 446/97 sulle formalità di registrazione dei veicoli nel PRA.

L’ACI inoltre assicura l’erogazione del servizio di riscossione e controllo delle tasse automobilistiche regionali (Legge n. 449/1997) per conto della maggior parte di Regioni e Province autonome sulla base di apposite convenzioni.

Vinciamo insieme le sfide per una PA che funzioni meglio! Segnala la tua soluzione!

Menú utente

Statistiche

Numero di soluzioni 1447
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?