Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro

L’ASP di Catanzaro ha un bacino di 80 comuni distribuiti dal mar Ionio al Tirreno con in mezzo la pre-Sila. La popolazione è di 368.219 cittadini, distribuiti su una superficie di 2.391 km² con una densità abitativa di 154 abitanti per kmq.

Essere oggi Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro significa:

  • assicurare qualità dell’offerta di prestazioni sanitarie e socio sanitarie e nella prevenzione;
  • rispondere al bisogno di salute senza alcuna distinzione di sesso, razza, religione ed età nei vari contesti di vita;
  • essere parte integrante di questa terra e della sua gente.

La mission dell’ASP di Catanzaro è la tutela della salute dei cittadini per assicurare a tutti i cittadini utenti i livelli uniformi di assistenza nell’area della prevenzione, delle cure primarie, delle attività socio-sanitarie integrate e dei percorsi di cura specialistica ambulatoriale e di ricovero, fruibili attraverso l’accesso alle strutture pubbliche e private accreditate.

Soluzioni proposte

L’assistenza medica all’adolescente nel nostro Paese è ancora precaria e poco funzionale, innanzitutto perché un’adeguata formazione in medicina dell’adolescenza stenta a realizzarsi nell’ambito della formazione curriculare del medico e, poi, perché l’85% degli Italiani con età

Il Servizio Informativo Aziendale dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro ha implementato un sistema per la valutazione della performance individuale e di struttura attraverso un percorso di miglioramento della qualità assistenziale nell'erogazione dei servizi sanitari

Statistiche

Numero di soluzioni 1042
Opinione più recente un'applicazione... utile?
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?