CLUSTER TECNOLOGICO INSIDE BREATH

Azienda capofila è Predict Srl, specializzata in sistemi di imaging diagnostico, che ha il compito di sviluppare la tecnologia e il software per l'analisi dei metaboliti gassosi presenti nell'espirato, di creare il database di breathomica e realizzare il prototipo dell'apparecchiatura per l'analisi del respiro. L'Università degli Studi di Bari (Facoltà di Medicina, Dip. dell'emergenza e trapianti d'organo e Dipartimento di Biologia): contribuisce al progetto con ben 10 ricercatori coordinati rispettivamente dai proff. Donato Francesco Altomare e Gianluigi De Gennaro. Autori di numerose pubblicazioni scientifiche sulla breathomica, fanno parte del team che per la prima volta al mondo ha dimostrato la possibilità di diagnosticare il tumore al colon retto analizzando l'espirato. Hanno il compito di trasferire sul mercato la ricerca di base, finalizzandola non solo all'analisi del respiro nella diagnosi precoce del tumore al colon, ma anche ad altri campi diagnostici. Wel.Co.Me. Srl, spin off dell'Ateneo barese, si occupa di applicare un modello di valutazione sull'efficacia della tecnologia sui diretti beneficiari, e in termini d’impatto sociale ed economico sull'intera comunità. Reti Meridiane, consorzio di cooperative sociali, effettua sul territorio le rilevazioni sistematiche del soffio da parte delle diverse tipologie di pazienti e garantisce il loro campionamento e analisi.

Soluzioni proposte

Mai più esami invasivi a tappeto. Per individuare le patologie più diffuse basterà analizzare il respiro umano.

Statistiche

Numero di soluzioni 1042
Opinione più recente itinerari possibili
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?