Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile

Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica (DCPST) È una delle quattro direzioni centrali tecniche del Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile.

La prevenzione incendi è per legge di competenza esclusiva del Corpo Nazionale Vigili del Fuoco.

La DCPST si occupa dell’attività di normazione e vigilanza sui prodotti attinenti l’antincendio immessi sul mercato ed espleta attività di sperimentazione nei propri laboratori soprattutto per la ricerca nel campo della protezione attiva e passiva, nel settore merceologico e la vigilanza sui prodotti, nonché per il controllo della qualità dei d.p.i., delle attrezzature, dei mezzi e del vestiario acquisiti dal CNVVF e destinati al personale per i servizi istituzionali.

Ufficio Nucleo Investigativo Antincendi (NIA) Le principali funzioni sono quelle dello studio, ricerca e analisi per la valutazione delle cause d'incendio.

Fornisce supporto ai competenti organi di polizia giudiziaria per attività investigative connesse al verificarsi di sinistri caratterizzati da incendio.

In collaborazione con i Comandi Provinciali, il Nucleo svolge corsi rivolti sia ai funzionari (p.es. per una sempre più accurata repertazione dei materiali sequestrati, lettura delle tracce) che al personale operativo (p.es. tecniche di spegnimento volte a salvaguardare il più possibile lo stato dei luoghi, una più esaustiva compilazione del rapporto d'intervento ecc).

Soluzioni proposte

L’applicazione utilizza la Realtà Virtuale VR per analizzare, con simulazioni basate su rilievi planimetrici, dati 3D e rilevazioni fotografiche, le problematiche correlate alla ricerca delle cause di incendio ed esplosione.

Statistiche

Numero di soluzioni 1042
Opinione più recente itinerari possibili
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?