Femminile Maschile Neutro

Il giorno 28 luglio 2017 in Roma, Maria Tiziana Lemme, giornalista, nata a Caserta il 23 gennaio 1962, residente in Roma via di Vallelunga 36, LMMMTZ62A63B963V e Amalia Signorelli, antropologa, nata a Roma il 6 agosto 1934, SGNMLA34M46H501S e residente in Roma via Cassia 859, cittadine italiane, dichiarano e convengono quanto segue: 1) E’ costituita tra le suddette l’Associazione denominata “Femminile maschile neutro” 2) L’Associazione ha sede in Roma alla via di Vallelunga, 36 3) L’Associazione ha durata illimitata. 4) L’Associazione è apartitica e non ha finalità di lucro. 5) L’Associazione ha lo scopo di promuovere attività finalizzate: al contrasto della violenza maschile sulle donne, al contrasto di discriminazioni verbali e linguistiche per l’adozione di un linguaggio rispettoso dell’identità di genere nel quale non venga più usato il sostantivo ‘uomo’ a significare ‘uomo e donna’, ‘persona’, individuo’, ‘umanità’, a tutte le attività previste dall’art. 3 dello statuto dell’Associazione, tra cui la proposta di legge per le “Modifiche legislative finalizzate all’eliminazione di discriminazioni verbali e linguistiche nei testi ufficiali della Repubblica Italiana”, oggetto di lavoro e ricerca dal giugno 2016 delle costituende Lemme e Signorelli.

Soluzioni proposte

Consapevoli che le forme della lingua che parliamo influenzano fortemente il pensiero cognitivo e dei valori, da due anni lavoriamo al progetto della modifica del linguaggio prima di tutto istituzionale e in seguito corrente nel rispetto dell’uguaglianza di genere.

Statistiche

Numero di soluzioni 1300
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?