I-Tel Srl

I-Tel Srl è una software house con sedi a Roma, Riccione e Milano e oltre 1000 sistemi installati su tutto il territorio nazionale in 10 anni di attività. I-Tel sviluppa e commercializza soluzioni multicanale (app, chat, video call, social, voce, sms, web, avatar, …) finalizzate all’ottimizzazione dei processi di comunicazione.
L’offerta I-Tel si caratterizza con soluzioni evolute e integrate destinate in particolare al mercato delle Smart cities e della Sanità. Il know how e l’esperienza maturata in questi anni fanno di I-Tel un’azienda all’avanguardia nell’ottimizzazione di processi legati alla comunicazione tra Cittadini e Amministrazioni. In particolare, grazie a sistemi automatizzati di trasmissione e condivisione delle informazioni (anche sensibili) in ottica di Empowerment del Cittadino e Citizen Satisfaction. Il tutto con ritorni di investimento interessanti e direttamente misurabili. Disponibili anche in Cloud e su MePA, le soluzioni I-Tel hanno ottenuto riconoscimenti importanti in ambito e-Health e Smart City, tra cui: Call App4Cities (2015); Premio Innovazione e Sanità - Movimento Difesa del Cittadino (2015); premio eGov (2014); Smau Smart City MI (2013); Smau Mob App Awards RM (2013).

Soluzioni proposte

[email protected] è un sistema software volto a scongiurare fenomeni drammatici, eppure accaduti, legati a dimenticanza dell’accompagnatore di consegnare il bambino al nido, una volta uscito di casa.

Vinciamo insieme le sfide per una PA che funzioni meglio! Segnala la tua soluzione!

Menú utente

Statistiche

Numero di soluzioni 1447
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?