ISMETT IRCCS

L’ISMETT è un IRCCS per la cura e la ricerca delle insufficienze terminali d’organo. Centro di eccellenza nel settore dei trapianti e punto di riferimento nel bacino del Mediterraneo, ISMETT è sede d’importanti progetti di ricerca per garantire ai pazienti le terapie più avanzate e dare una risposta adeguata alle insufficienze terminali d’organi vitali. Nato dalla partnership internazionale fra la Regione Siciliana, attraverso l’ARNAS Civico di Palermo, e UPMC, da Giugno 2017 è entrata a far parte dei soci la Fondazione Ri.MED, istituita dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri,che ha lo scopo di promuovere, sostenere e condurre i ricerca nel campo delle biotecnologie. L’ISMETT è il primo ospedale del Meridione ad aver ricevuto l’accreditamento da parte della JCI, fra i più avanzati sistemi di accreditamento per valutare la qualità delle strutture sanitarie nella cura e nella sicurezza dei pazienti e il suo impegno nel miglioramento continuo delle performance sul fronte dei risultati clinici, della gestione, dell’accoglienza, dei programmi di formazione, che ogni anno coinvolgono centinaia tra infermieri, medici, tecnici e amministratori. ISMETT fa parte del network di ospedali che riservano particolare attenzione alle specifiche esigenze delle donne e ha ricevuto il bollino rosa per i bienni 2014-2015 e 2016-2017.

Soluzioni proposte

Il sistema di controllo integrato implementato permette di conoscere e monitorare l’utilizzo delle risorse impiegate nei processi clinico-amministrativi utilizzando un approccio metodologico di tipo bottom-up in grado di identificare gli elementi di correlazione tra costi e ric

Vinciamo insieme le sfide per una PA che funzioni meglio! Segnala la tua soluzione!

Menú utente

Statistiche

Numero di soluzioni 1495
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?