ISMETT IRCCS

L’ISMETT è un IRCCS per la cura e la ricerca delle insufficienze terminali d’organo. Centro di eccellenza nel settore dei trapianti e punto di riferimento nel bacino del Mediterraneo, ISMETT è sede d’importanti progetti di ricerca per garantire ai pazienti le terapie più avanzate e dare una risposta adeguata alle insufficienze terminali d’organi vitali. Nato dalla partnership internazionale fra la Regione Siciliana, attraverso l’ARNAS Civico di Palermo, e UPMC, da Giugno 2017 è entrata a far parte dei soci la Fondazione Ri.MED, istituita dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri,che ha lo scopo di promuovere, sostenere e condurre i ricerca nel campo delle biotecnologie. L’ISMETT è il primo ospedale del Meridione ad aver ricevuto l’accreditamento da parte della JCI, fra i più avanzati sistemi di accreditamento per valutare la qualità delle strutture sanitarie nella cura e nella sicurezza dei pazienti e il suo impegno nel miglioramento continuo delle performance sul fronte dei risultati clinici, della gestione, dell’accoglienza, dei programmi di formazione, che ogni anno coinvolgono centinaia tra infermieri, medici, tecnici e amministratori. ISMETT fa parte del network di ospedali che riservano particolare attenzione alle specifiche esigenze delle donne e ha ricevuto il bollino rosa per i bienni 2014-2015 e 2016-2017.

Soluzioni proposte

Il sistema di controllo integrato implementato permette di conoscere e monitorare l’utilizzo delle risorse impiegate nei processi clinico-amministrativi utilizzando un approccio metodologico di tipo bottom-up in grado di identificare gli elementi di correlazione tra costi e ric

Statistiche

Numero di soluzioni 1042
Opinione più recente itinerari possibili
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?