Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti è la struttura esecutiva dello Stato Italiano responsabile di: programmazione, finanziamento, realizzazione e gestione delle reti infrastrutturali di interesse nazionale e delle opere pubbliche di competenza dello Stato; politiche urbane e dell’edilizia abitativa anche riguardanti il sistema delle città e delle aree metropolitane; attività relative a trasporti, viabilità e logistica sul territorio e che includono navigazione, sicurezza e trasporto marittimo e nelle vie d’acqua interne, aviazione civile e trasporto aereo, circolazione, sicurezza e trasporto terrestre. Il Ministero, nello svolgere le proprie competenze, si occupa di: collaborare con Il Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera e con il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici; interagire e coordinarsi con le istituzioni regionali e locali, fornendo anche linee di indirizzo; curare le relazioni e gli accordi internazionali per quanto riguarda i settori delle infrastrutture e dei trasporti; esercitare funzioni di indirizzo, monitoraggio e controllo nei confronti degli enti vigilati e partecipati e dei gestori del trasporto

Soluzioni proposte

OpenCantieri (www.opencantieri.mit.gov.it) è un aggregatore di dati che mostra in modo accurato le informazioni sullo stato di avanzamento delle opere pubbliche (lavori di strade, ferrovie, metropolitane, porti e aeroporti) e mol

Ogni giorno migliaia di viaggiatori raggiungono gli scali aeroportuali italiani per molteplici finalità (lavoro-turismo-esigenze familiari e personali) e da lì necessitano di muoversi agevolmente per raggiungere la destinazione finale.

Statistiche

Numero di soluzioni 1299
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?