Regione Molise - Direzione Generale per la Salute

L’attuale governance della Regione Molise è impegnata nella riorganizzare della rete dei servizi sanitari che non era più sostenibile, che presentava oramai delle criticità endemiche, sia dal punto di vista economico-finanziario che dal punto di vista delle risposte ai bisogni di salute dei cittadini. Il tutto fatto all’interno della cornice legislativa nazionale, dentro confini stringenti composti da condizioni critiche come il Piano di Rientro dal debito ed il Commissariamento, sulla spinta di un cambiamento diventato ormai improcrastinabile a fronte anche di una riduzione sostanziale delle risorse.

L’universalità dell’assistenza socio-sanitaria, l’attenzione al finanziamento attraverso la fiscalità generale e l’equità che garantisce l’accesso alle prestazioni sono i perni con cui è stato immaginato il nuovo Sistema Sanitario Regionale.

Tra gli scopi vi è anche quello di migliorare i sistemi ed i processi di controllo dei risultati, contribuendo a sviluppare una nuova logica di responsabilizzazione di risultati e performance di salute. Sono stati rideterminati i fabbisogni epidemiologici e clinici, sulla base di indicatori demografici e di salute, e su questi si è provveduto a redigere il Programma Operativo Straordinario 2015-2018. Un passaggio fondamentale, che ha avviato un percorso virtuoso che consentirà al Molise di superare un periodo decennale fatto di blocco del turn-over, di carenza di personale e di servizi non appropriati.

Soluzioni proposte

La Regione Molise, nella complessiva riorganizzazione della rete dei servizi della salute prevista dal Programma Operativo Straordinario, per favorire politiche di bottom-up, ha messo a disposizione dei propri cittadini un numero verde a cui poter segnalare disservizi o disfunz

Statistiche

Numero di soluzioni 1042
Opinione più recente itinerari possibili
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?