useit srl

L’idea nasce in un “garage”, ma per la realizzazione della stessa si è dovuto costruire un team: Marta Trotta alla comunicazione, Stefano Scravaglieri al marketing, Nicoletta Civita all’amministrazione e agli acquisti Benny Bimonte al coordinamento operativo. Per poter portare l’idea nel mondo reale sono stati poi necessari due partner, uno tecnologico e uno finanziario. C’era l’idea, il business model, il business plan, ma c’era bisogno di chi realizzasse tecnicamente il prodotto e di chi ci permettesse di sostenere l’impegno economico. Coders Italia, partner tecnologico e Zernike Meta Venture, come finanziatore, sono entrati a far parte della compagine sociale come remunerazione del rischio che hanno condiviso con useit.

Il nostro prodotto trova il suo legame con il mondo reale attraverso la tecnologia; la trasformazione, di un fornitore fondamentale in fase di start up in socio, modifica i rapporti e offre l’opportunità di una maggior tutela della nostra azienda e dell’idea sulla quale è strutturata. L’evoluzione del prodotto è naturale e aver trovato un socio con le capacità tecnologiche e che crede nel progetto è un notevole vantaggio. E infine si è unita al gruppo Rachel Hentsch dedicata allo sviluppo dei social.

Soluzioni proposte

Con useit anche la PA può trovare beneficio attraverso la sharing economy. Con la sharing economy tutti i cittadini possono realmente disporre di un maggiore livello di benessere, si può parlare di un welfare 2.0.

Vinciamo insieme le sfide per una PA che funzioni meglio! Segnala la tua soluzione!

Menú utente

Statistiche

Numero di soluzioni 1495
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?