Albert, il robolaboratorio basato su Arduino

L’applicazione, denominata ALBERT, consiste in un robot telecomandato ad uso didattico, basato su tecnologia Arduino, pensato e sviluppato come attività motivazionale a sostegno della didattica tradizionale.

ALBERT non è solo un robot ma uno strumento integrato con una serie di sensori ed un software a corredo che, oltre a consentire lo studio della robotica e del coding orientato al firmware, consente la realizzazione di veri e propri esperimenti scientifici ad uso didattico.

Definiamo ALBERT come un vero e proprio robolaboratorio per il creative learning del futuro. Il robot, è stato assemblato nella sua prima versione su una struttura con quattro ruote motrici, dunque sotto forma di veicolo, ma può essere facilmente riassemblato sotto forma di tank o sotto altra forma.

L’elemento peculiare del progetto in effetti non è tanto la forma con cui viene assemblato, quanto la sua elettronica ed il suo software. Il sistema infatti, è già dotato di un firmware standard per la configurazione richiesta, ossia di un software per il suo controllo e la sua gestione caricato sul microcontrollore Arduino, che viene rilasciato a sorgente aperta. Ciò per consentire, in termini di utilizzo didattico, la possibilità di apportare modifiche senza problemi in modo da effettuare test, implementazioni, ulteriori sviluppi, e comprendere quali sono le complessità per la programmazione di un robot mobile. Il sistema è dotato di sensore di distanza ad infrarossi programmato per consentire al robot di percepire ed evitare gli ostacoli e viene fornito già pronto all’uso.

La grande innovazione apportata tuttavia, è rappresentata dall’aggiunta di sensori per rilevazioni ambientali che consentono, grazie al firmware precaricato ed ad un software specificatamente sviluppato, di realizzare semplici esperimenti scientifici a fini didattici.

Attualmente ALBERT può essere dotato di GPS, accelerometro, sensori ad ultrasuoni, sensori di pressione dell'aria, sensori di temperatura, sensori di gas e fumo, sensori di corrente, sensori di luminosità, sensori di pH, sensori di umidità relativa, sensori di suono, sensori di tensione e sensori di pressione barometrica. Stiamo lavorando sull’integrazione di ulteriori sensori quali conducibilità, ossigeno disciolto, frequenza cardiaca, termocoppia, torbidità, temperatura IR, UV, sensore tattile capacitivo, sensore di vibrazioni.

Attraverso AlbertSoft, il software specificatamente sviluppato, è possibile stabilire da quali sensori rilevare informazioni, impostare la frequenza di campionamento (ove possibile), archiviare le informazioni raccolte, analizzarle, costruire grafici e simulazioni. Il trasferimento dati avviene via Bluetooth. Il software è attualmente disponibile solo per dispositivi Windows. È in corso l’analisi per lo sviluppo di specifica applicazione multipiattaforma per dispositivi mobili.

Statistiche

Numero di soluzioni 602
Opinione più recente tutto il potenziale mentale a disposizione
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?