AMBASCIATORI INPS PUGLIA

UNA OPPORTUNITÀ PER L’ACTIVE AGING e LA CITTADINANZA DIGITALE

Gli Ambasciatori sono destinatari di un programma di empowerment e formazione che li conduca ad essere gli attivatori di un processo di diffusione di competenze informatiche per il pieno utilizzo dei Servizi offerti online dall'INPS.Saranno formati i rappresentanti della società civile, individuati in forma volontaria nell’ambito delle Università Terza Età, Associazioni di Categoria persone con disabilità, Enti ed Amministrazioni Pubbliche, in un rapporto di cooperazione.Gli Ambasciatori si impegneranno a condividere le competenze acquisite nei rispettivi ambiti di aggregazione.E’ stata sottoscritta una Convenzione con UNIBA per l'individuazione di un gruppo di studenti universitari disponibili a curare l'elaborazione di manuali interattivi e multimediali e a seguire nell'apprendimento i destinatari del progetto.Obiettivi saranno alfabetizzazione digitale e un contributo al programma di “invecchiamento attivo” che l’OMS(“Active Aging: a Policy Framework”, 2002) ha proposto come una fondamentale questione di politica sociale al fine di assicurare che il grande successo conseguito dalle politiche di sanità pubblica con l’allungamento della sopravvivenza garantisca anche una adeguata qualità di vita. I pilastri che l’OMS pone a fondamento dell’Active Ageing sono: la Salute, la Sicurezza sociale, la Partecipazione e la Solidarietà intergenerazionale. Sono questi i valori che il progetto persegue.

Descrizione dei bisogni che si è inteso/si intende soddisfare e dei destinatari del progetto: 
Il progetto persegue, oltre l'obiettivo di alfabetizzazione digitale, anche l'ulteriore finalità di contribuire al programma di “invecchiamento attivo” che l’Organizzazione Mondiale della Sanità (“Active Ageing: a Policy Framework”, 2002) ha proposto come una fondamentale questione di politica sociale, al fine di assicurare che il grande successo conseguito dalle politiche di sanità pubblica con l’allungamento della sopravvivenza garantisca anche una adeguata qualità di vita.
Descrizione del team/partnership di progetto, delle risorse e delle competenze: 
Maria Sciarrino, Direttore regionale INPS per la Puglia Giuseppe Pirlo, Professore ordinario Università Studi Aldo Moro Bari e referente UNIBA Agenda Digitale e Smart City Vincenzo De Ruvo, responsabile regionale Gruppo Sistemi Informativi INPS Carmela Falco, referente INPS Convenzioni Università Maria Giovanna Pascali, responsabile INPS Relazioni Istituzionali e Rapporti con il Pubblico
Descrizione della tecnologia adottata identificando gli elementi di interoperabilità: 
Per ciascun Ambasciatore verrà messa a disposizione una postazione di lavoro completa (computer, tastiera, mouse, s.o. Windows); infrastruttura geografica WAN INPS di accesso ad Internet; browser: Internet Explorer, Chrome, Mozilla Firefox; accessori mutimediali (cuffie, microfono, webcam..); uso di strumenti sw di Web Collaboration per consentire online meeting tra i diversi attori del progetto: 'formatori', ''Ambasciatori' presenti presso i "Punti informativi Inps" istituiti presso le sedi dei Comuni e personale INPS esperto presente presso le sedi provinciali INPS.
Descrizione del time to market della soluzione intesa come trasferibilità: 
Attualmente il progetto è in fase di sperimentazione nelle provincie di Bari e Taranto. Si prevede l'ampliamento in ambito regionale a breve e, considerato l'interesse della Direzione Centrale Inps Comunicazione, la realizzazione sull'intero territorio nazionale.
Descrizione degli investimenti stimati per la valutazione di sostenibilità: 
Diretta conseguenza sarà la riduzione del digitale divide, la decongestione degli sportelli front office, il recupero di tempo vita e la partecipazione attiva.Lavorando per l’invecchiamento attivo, si contribuisce concretamente a prevenire i disagi collegati all’invecchiamento:solitudine e depressione, con indubbi vantaggi anche per la spesa sociale e sanitaria del nostro Paese.E’ il Welfare che lavora per il Welfare. Il valore economico, deriverà dai risparmi in termini di carta e ore lavoro per l'Istituto, dal risparmio di uso di mezzi di trasporto per i cittadini e i loro familiari e dal miglioramento generalizzato del “benessere” che non può essere misurato in termini di aumento del PIL, se non per la riduzione della spesa sanitaria, ma rientra nell’indicatore GNH che pone la persona al centro dello sviluppo del Paese, riconoscendo che l’individuo ha bisogni di natura materiale, spirituale ed emozionale.Il valore perseguito si colloca essenzialmente in una ottica di bilancio etico

Vinciamo insieme le sfide per una PA che funzioni meglio! Segnala la tua soluzione!

Menú utente

Statistiche

Numero di soluzioni 1447
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?