Apaci - Comunico con l’Amministrazione

Il sistema web che mette in comunicazione i Privati con la Pubblica Amministrazione toscana

Apaci è il sistema che privati cittadini, imprese e associazioni possono usare per inviare e ricevere comunicazioni dalla Pubblica Amministrazione Toscana in formato digitale senza la necessità di disporre di un indirizzo PEC.

Il sistema accetta comunicazioni contenenti più documenti, aventi formati conformi alla norma e quindi adatta la conservazione, inoltre trasforma on the fly documenti di testo in pdf.

Le comunicazioni inviate dal sistema vengono registrate all'interno del sistema di protocollo della Amministrazione destinataria.

La valenza delle comunicazioni inviate tramite Apaci è equiparata all’invio di istanze tramite PEC, in quanto Apaci sfrutta la cooperazione applicativa di regione Toscana.

L’accesso ad Apaci può avvenire con CNS o con SPID e quindi si garantisce a pieno l’identificazione certa del soggetto che inviata documenti alla Pubblica Amministrazione

Obiettivi, destinatari e contesto: 

comunicare con la PA in modo sicuro, veloce e gratuito; rispetto dei diritti digitali dei cittadini; trasparenza amministrativa, grazie all’invio al mittente della comunicazione della data e del numero di protocollo assegnatogli; mettere a disposizione dei cittadini una unica interfaccia per dialogare con tutte le pubbliche amministrazioni del territorio toscano; diminuzione dei costi, sia per la pubblica amministrazione che per i cittadini; diminuzione dei tempi di trasmissione delle istanze da inviare alle pubbliche amministrazioni; efficienza amministrativa; mettere a disposizione di cittadini, imprese e associazioni un luogo unico per comunicare con le PPAA toscane.

Statistiche

Numero di soluzioni 1042
Opinione più recente itinerari possibili
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?