APP INFOSTRANIERI

InfoStranieri è un’App per Android e iOS nata per concedere supporto burocratico agli stranieri regolari che vivono in Italia.

Questa APP è stata sviluppata per dare un supporto attivo a tutti gli stranieri che in Italia hanno necessità di espletare pratiche burocratiche, di ricercare un professionista in grado di fornire supporto legale, tributario, assicurativo e di ricevere news e informazioni sulle normative legali. Questa APP è stata sviluppata per le piattaforme Android e IOS. Tecnologicamente il progetto miscela tecnologie WEB e Stand Alone: Tutti i contenuti dinamici sono erogati da un server WEB a cui si collegano i dispositivi mobili. Ogni richiesta di supporto viene gestita da una struttura di back end amministrativa. Il core della APP è stato pensato in architettura Multilingua, questa decisione è dettata dal fatto di voler aiutare gli stranieri in modo diretto e semplice.

Le lingue scelte permetteranno di coprire le esigenze i stranieri provenienti da diversi continenti e soprattutto la maggioranza degli stranieri che arrivano in territorio italiano. Tutti i contenuti sono divisi per macro aree:

  • Pratiche
  • Professionisti e Consulenti
  • Ambasciate e Consolati • Associazioni
  • News

All’interno di ogni area si accede a tutte le informazioni e soprattutto si accede alla possibilità di richiedere supporto. Tutte le informazioni sono espresse in modo chiaro e con un linguaggio semplice e facilmente comprensibile. L’interfaccia grafica è stata pensata anche per poter trasformare l’applicazione in un sistema totem. In futuro si pensava di installare dei punti informazione automatizzati in diversi comuni per permettere anche a stranieri sprovvisti di sistemi mobili l’accesso al servizio.

Lo scopo dell’App è quello di rispondere alle esigenze:

  • di tutti gli stranieri regolari costretti a vivere l’incubo di dover adempiere a tutta una serie di requisiti burocratici particolarmente complessi, dispendiosi in termini di tempo e per di più in un Paese del quale stanno ancora imparando la lingua;
  • dello Stato Italiano in quanto il Paese necessita di personale straniero regolare e pertanto trarrebbe molto giovamento dalla semplificazione degli adempimenti di cui sopra, con particolare riferimento alle procedure di regolarizzazione.

I numeri del resto parlano molto chiaro: attualmente sono presenti sul territorio Italiano quasi quattro milioni di lavoratori stranieri regolari in continuo e costante aumento, motivo per cui qualsiasi strumento in grado di rispondere alle esigenze di cui sopra è da considerarsi non solo utile ma anche necessario al fine di scongiurare un collasso burocratico che appare sempre più prossimo.

Obiettivi, destinatari e contesto: 

L’APP e il relativo progetto è stato presentato presso la sala stampa della Camera dei Deputati di via della missione 4, con l’onorevole Lara Comi, europarlamentare Forza Italia e vicepresidente PPE e l’onorevole Gea Schirò del Pd., patrocinato dal Parlamento europeo e dal Consolato Generale della Repubblica d’Albania a Milano. Il 09/10/2015 ore 15:00 presso il Padiglione Albania, Cluster Mediterraneo, vi sarà una tavola rotonda dal tema “Un’app per l’integrazione”, dove vi parteciperanno una serie di cariche istituzionali per discutere come la collaborazione di enti come, il Ministero, Ambasciate/Consolati, Regioni, Prefetture, Questure e Comuni, possa di fatto completare l’app a 360° e di conseguenza iniziare anche un discorso vero e proprio di integrazione.

Vinciamo insieme le sfide per una PA che funzioni meglio! Segnala la tua soluzione!

Menú utente

Statistiche

Numero di soluzioni 1447
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?