BiiHar

BiiHar è un sistema software che facilita la comunicazione fra professionisti dello stesso team clinico che seguono il paziente obeso durante il percorso di dimagrimento, creando un ponte all'interno del team ed i pazienti seguiti. Biihar è un sistema che permette ai pazienti di comunicare con i professionisti che li seguono in maniera rapida e diretta, e permette inoltre ai professionisti che collaborano nel medesimo team di condividere le informazioni che riguardano i pazienti. Valorizzando l’approccio multidisciplinare, aiuta a rivoluzionare lo stile di vita delle persone che intraprendono questo tipo di percorso. Biihar è composto da 2 principali elementi un app per i pazienti e un account condiviso per i professionisti che li seguono dal punto di vista medico, psicologico, nutrizionale e dell’attività fisica. Attraverso la app i pazienti hanno la possibilità di consultare e modificare tutta una serie di informazioni, possono consultare la dieta giornaliera, e la scheda dell’attività fisica quotidiana, e inoltre hanno la possibilità di inviare e ricevere feedback sull’intero percorso, ai diversi professionisti instaurando con loro un dialogo costante. Attraverso l’ account gli specialisti hanno accesso ad un archivio che raccoglie le cartelle cliniche di tutti i pazienti che gli specialisti seguono congiuntamente. Hanno la possibilità di monitorare l’andamento del paziente, scambiarsi informazioni sullo stesso e intervenire all'occorrenza attraverso feedback, tutto questo attraverso il sistema e senza dover rilasciare il proprio contatto privato.

Statistiche

Numero di soluzioni 602
Opinione più recente tutto il potenziale mentale a disposizione
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?