CELVA - Emergenza Coronavirus

Il supporto del Consorzio degli enti locali della Valle d’Aosta per fronteggiare l’emergenza sanitaria dovuta al Covid-19

Per rispondere alle esigenze dei propri enti soci, il CELVA ha completamente rivisto le proprie modalità di supporto agli enti locali valdostani, attraverso digitalizzazione dei servizi e nuovi strumenti di comunicazione.
L’attività in sintesi:
  • 100% del personale in smart working;
  • 2 risorse assegnate alla Sala Operativa Regionale;
  • 1 help desk per i Sindaci tramite chat di WhatsApp;
  • 1 sezione del sito Celva dedicata all’emergenza Covid-19, con focus tematici, infografiche, modelli di documenti;
  • 1 pagina Facebook e 1 account twitter;
  • 1 nuova piattaforma digitale, 41 corsi in aula virtuale 
  • 107 consulenze erogate via web
  • 93.674 euro raccolti sul conto corrente dedicato alla solidarietà e al sostegno del territorio.
Obiettivi e destinatari: 
La revisione dell’organizzazione del CELVA e dei servizi erogati è derivata dalla necessità di assicurare il supporto ai propri enti soci nel periodo dell’emergenza sanitaria, mantenendo in essere i servizi esistenti, ma soprattutto supportando in maniera tempestiva gli enti locali nella corretta interpretazione e nell’applicazione delle disposizioni normative adottate dai Governi centrale e regionale. I destinatari della misura: - I Sindaci dei 74 Comuni valdostani e i Presidenti delle Unités des Communes valdôtaines - Il personale e la dirigenza degli enti locali valdostani - I cittadini, i professionisti e le imprese della Valle d’Aosta - La Protezione civile

Vinciamo insieme le sfide per una PA che funzioni meglio! Segnala la tua soluzione!

Menú utente

Statistiche

Numero di soluzioni 1546
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?