Chatbot per una conversazione «intelligente» con la PA

Le applicazioni Web della Pubblica Amministrazione diventano sempre più complesse, spesso sono il risultato di più applicazioni o servizi di soggetti diversi.

Gli utenti o i cittadini, non sono esperti nell’uso delle applicazioni web, inoltre, considerando che spesso le caratteristiche di usabilità non vengono curate e progettate, l’utente è quindi restio all’uso delle applicazioni o ricerca aiuto nei servizi di assistenza.

Spesso i servizi di assistenza sono sottostimati e non riescono a dare risposte e soluzioni in tempi brevi. L’allungarsi dei tempi di attesa, non migliorano il gradimento del servizio al cittadino. La maggior parte delle domande e risposte al servizio di assistenza sarebbero risolte se gli utenti consultassero le Frequently Added Questions (FAQ), facendo risparmiare una chiamata al servizio di assistenza e conseguentemente abbassando i tempi di risposta del call-center.

Ma quanti effettivamente vanno a consultare le FAQ? La tecnologia dei Chatbot in questo ci viene in aiuto facilitando la consultazione delle FAQ agli utenti, ponendo delle semplici domande ad un chatbot integrato in un’APP di messaggistica come Messenger, Telegram, WeChat, Kik, Slack, etc.

Obiettivi, destinatari e contesto: 

Obiettivi: 1) Introdurre proattività 2) Arricchire l’interazione con il cittadino 3) Fornire risposte veloci a domande semplici o ripetitive 4) Estendere e creare nuovi modelli di business Destinatari: 1) Cittadini 2) Imprese 3) Professionisti 4) Contact center: - Customer care - Social care - Help desk

Le ultime soluzioni pubblicate