City.ARC

Strutturata WebGis per l’integrazione di dati correlati al territorio per garantire vantaggi verso un suo governo ad ampio respiro.

Il progetto si sviluppa in quattro fasi operative principali:

  • Raccolta e analisi preliminare delle banche dati per la loro integrazione. In questa fase vengono analizzate le banche dati comunali e quelle fornite da esterni, che dovranno essere acquisite, uniformate ed integrate nel sistema.
  • Costruzione del modello urbano. Modello digitale degli elementi tangibili della struttura morfologica della città e dei suoi comparti, delle caratteristiche geometriche e materiali dei suoi edifici.
  • Strutturazione dei giacimenti informativi all’interno del modello urbano. Il modello previsto dal progetto consente di individuare in mappa gli oggetti territoriali e di integrarli con le informazioni provenienti dalle diverse banche dati relazionate attraverso chiavi di collegamento univoche. I dati così strutturati in formato Shp, considerato come standard “de facto” delle banche dati spaziali, saranno pubblicati su web ed archiviati in strati informativi in modo tale da poter essere consultati, interrogati e gestiti in base alle informazioni presenti nel database e/o in altri archivi relazionati.
  • Pubblicazione del sistema attraverso una piattaforma WebGis interoperabile e di condivisione.

Tramite l’interfaccia web sono disponibili una serie di funzionalità, tra queste: l’accesso utenti con limitazione per categoria e gestione delle password; visualizzazioni personalizzate ed interazione con gli strati informativi raccolti; navigazione nei dati geografici; interrogazione, consultazione e ricerche; aggiornamento ed implementazione degli strati informativi; azioni in merito ai servizi territoriali; condivisione ed interazione tra soggetti; possibilità di download su richiesta; stampe in scala. Il Progetto, delineato, è lo strumento attraverso il quale giungere alla completa integrazione tra le informazioni alfanumeriche, la loro georeferenziazione sul territorio e l’effettivo e conseguente utilizzo. Le attività e le banche dati integrate nel City.ARC possono essere considerate le fondamenta sulle quali realizzare un sistema sempre più completo e performante, il cui potenziamento modulare potrà essere realizzato tramite successive fasi di verifica, normalizzazione e conversione di tutti i materiali informativi relazionabili che l’Amministrazione comunale vorrà/potrà utilizzare. Questo in relazione anche alle necessità e alle potenzialità offerte dei propri cittadini e delle imprese del territorio, che uniformemente costituiscono il tessuto sociale attivo che necessità sempre di nuovi e più efficienti servizi. Tale processo graduale permetterà alla P.A. di disporre di una straordinaria potenzialità da sviluppare per programmare le proprie attività, tramutandosi definitivamente in un soggetto capace di essere l’artefice del proprio futuro politico, amministrativo ed economico.

Obiettivi, destinatari e contesto: 

L’intento è quello di garantire supporto a tutte le Amministrazioni Pubbliche di ogni dimensione territoriale, in tutta la penisola italiana isole comprese, inoltre favorire e creare relazioni con le aziende multi-utilities e con i singoli cittadini che ne hanno necessità, per sfruttare al meglio le potenzialità offerte dall’informazione territoriale per pianificare al meglio il futuro del Paese. L’approccio di mercato per arrivare a concretizzare la soluzione parte sicuramente dal basso, ovvero dall’approccio iniziale verso realtà comunali medio-piccole e da PMI per poi salire di scala e di conseguenza aumentare la complessità dei processi. La soluzione non è ancora stata resa pubblica.

Vinciamo insieme le sfide per una PA che funzioni meglio! Segnala la tua soluzione!

Menú utente

Statistiche

Numero di soluzioni 1447
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?