ClickCare

La mia salute in un click.

ClickCare è un’applicazione per smartphone e dispositivi mobili, che consente al cittadino di conoscere l’offerta dell’azienda sanitaria, utilizzando il proprio cellulare o altri device tecnologici, identificandosi (per genere, età, problematica) per utilizzare i servizi offerti. Uno strumento che già nel momento della prima informazione vuole dialogare, dare sollievo, risolvere. Progettato per semplificare e facilitare l’accesso definisce nel minor tempo possibile il percorso di salute più adatto, efficace e sostenibile per il cittadino. ClickCare è stato pensato, inizialmente, per l’accesso della famiglia, delle donne, dei giovani nel Consultorio Familiare.

Obiettivi, destinatari e contesto: 

La finalità del progetto ClickCare è proprio la comunicazione empatica/efficiente finalizzata al miglioramento dell’accesso, dell’utilizzo e della valutazione dei servizi per la salute. Il cittadino potrà prenotare direttamente consultando calendari digitali, pagare online senza attese, sperimentando, fin dal primo contatto, ascolto e accoglienza del proprio bisogno. Destinatari principali sono i cittadini residenti o domiciliati nell’area territoriale di competenza dell’ASST Bergamo Ovest. Ulteriori beneficiari della misura sono i possibili e futuri Partners dell’offerta di servizi per la salute e il benessere della persona e della famiglia e tutti i soggetti del territorio (Associazionismo, terzo settore, Istituti scolastici…) che, invitati a diffondere la conoscenza del progetto possono acquisire e perfezionare le proprie competenze nell’ambito della comunicazione sociale e di pubblica utilità.

Vinciamo insieme le sfide per una PA che funzioni meglio! Segnala la tua soluzione!

Menú utente

Statistiche

Numero di soluzioni 1447
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?