Comune di Poviglio, dalla riqualificazione dell'illuminazione pubblica alla creazione della Smart City

Il Comune di Poviglio si è posto l’obiettivo di ottimizzare i consumi energetici legati alla pubblica amministrazione (al fine di raggiungere un risparmio della spesa corrente), mettere a norma l’intera infrastruttura, creare nuovi stendimenti illuminotecnici, ridurre l’inquinamento luminoso, riqualificare alcune aree, creare un nuovo assetto pubblico, costituito dalla rete in radio frequenza per il controllo della rete IP (dunque l’ossatura della ‘Smart City’ la ‘città intelligente’) dove i servizi saranno basati sul valore aggiunto reso possibile dalla capacità di fare comunicare fra loro reti, edifici, persone. La progettazione, la riqualificazione e l’investimento di capitale di tale intervento è stato realizzato interamente da S.A.BA.R. Servizi S.r.l., società con sede a Novellara (RE) a totale partecipazione pubblica, che agisce da ESCO investendo risorse finanziarie e realizzando l’intervento con l’onere della conduzione e della manutenzione per i prossimi 20 anni.

Obiettivi, destinatari e contesto: 

Il Comune ha perseguito l'obiettivo di riqualificazione energetica, adeguamento normativo e gestione del servizio di pubblica illuminazione, creazione della smart city in due modi: 1. affidando in gestione esterna (in house providing) il servizio di illuminazione pubblica (gestione degli impianti esistenti, fornitura di energia elettrica, manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria, pronto intervento); 2. riqualificando gli impianti con tecnologie più moderne, mettendo a norma l’intera infrastruttura con la creazione dell’ossatura della Smart City.

Statistiche

Numero di soluzioni 1300
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?