Comunicazione multicanale: tra vecchi e nuovi media i linguaggi dell’assistenza

L’utilizzo dei social network per veicolare informazioni e offrire servizi

Si tratta di un progetto di comunicazione integrata articolato su più livelli. Se ad un primo stadio vi è la volontà di diffondere e descrivere le attività portate avanti dall’ASL BI con linguaggi diversi, declinati sulla base del mezzo e dello strumento utilizzato, dall’altro lato le piattaforme social e la rete diventano lo spazio attraverso il quale potere agevolare i percorsi degli utenti. Non solo dunque, informazioni e aggiornamenti per comunicare con i cittadini in modo più diretto, per far conoscere loro i nuovi servizi e i professionisti, ma anche l’interfaccia da cui accedere a servizi più diretti.

Obiettivi e destinatari: 
L’obiettivo è quello di consolidare canali di comunicazioni strutturati, in grado di veicolare al pubblico informazioni pertinenti e aggiornate, ma anche di migliorare il livello culturale rispetto a temi che attengono l’educazione alla salute. Attività, servizi, iniziative, ma anche notizie sui professionisti e sui loro ambiti di attività. Destinatari infatti non sono solo i cittadini, ma tutti gli stakeholder che ruotano intorno all’azienda. Attraverso i canali social la comunicazione diviene, infatti, bidirezionale e consente una interattività costante tra PA e cittadino. Alla base del progetto vi anche il proposito di sperimentare stili e linguaggi comunicativi diversificati, dove la logica della storia a volte diventa importante per trasferire in modo più immediato i valori e le azioni dell’azienda.

Vinciamo insieme le sfide per una PA che funzioni meglio! Segnala la tua soluzione!

Menú utente

Statistiche

Numero di soluzioni 1495
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?