CROMoS - Continuous Remote Odour Monitoring System

Un sistema per il monitoraggio di ambienti esterni o interni, in grado di rilevare tutti i parametri sensibili per la qualità ambientale

Il sistema CROMoS (Continuous Remote Odour Monitoring System) è concepito per il monitoraggio di aree industriali o territori sui quali impattano prodotti odorigeni e Composti Volatili Organici in genere. L’applicazione consente di fornire uno strumento gestionale di attività che generano odori. Gli ambienti tipici di applicazione sono gli impianti di trattamento reflui e rifiuti, discariche, acquedotti, industrie chimiche e petrolchimiche e zone con rischio di esposizione per i lavoratori ai gas. L’intero sistema si configura quindi come uno strumento gestionale in grado di fornire informazioni all’utilizzatore circa l’impatto da odore e l’analisi di rischio associata. La valutazione del rischio che viene elaborata viene intesa come supporto alle decisioni. Il sistema fornisce in continuo una risposta in OUe, (Odour Units dell’Unione Europea) elaborata in accordo alla norma UNI EN 13725, che alimenta un sistema di gestione in grado di fornire risposte in tempo reale, sia sull’impatto generato sia previsionali. Il sistema è composto da: Rete di rilevamento, predisposta per eseguire misure in continuo con sensori specifici e dedicati per la determinazione della presenza di COV odorigeni – VOD (Volatile Odour Detector) ed altri gas odorigeni. Sono sensori a Fotoionizzazione con una energia specifica per misurare una vastissima famiglia di idrocarburi volatili, quale componente principale degli impatti da odore. La rete di sensori viene integrata con una stazione meteoclimatica.

  • Rete di collettamento dati e trasmissione dati SmartNetwork e Evolvea Cloud Platform;
  • Sistema esperto per l’interpretazione dei dati ed elaborazione della valutazione di rischio e di impatto

La valutazione del rischio e degli impatti generati dagli odori avviene attraverso l’analisi ed elaborazione delle seguenti informazioni e dati di monitoraggio:

  • Analisi meteoclimatica dati storici;
  • Cartografia dell’area;
  • Elaborazione fluido-dinamica del dominio ove insiste l’impianto;
  • Elaborazione scenari fluidodinamici;
  • Misure in continuo di VOC e meteoclimatiche;
  • Valutazione in continuo degli output dei sensori e dei dati meteo;
  • Analisi comparata dei dati di output con gli scenari individuati. Applicazione modellistica diffusiva e dispersiva dei dati istantanei
  • Elaborazione previsione in funzione degli scenari
  • Analisi di rischio degli impatti e rappresentazione grafica istantanea e previsionale. Il gestore dispone dell’impatto odorigeno istantaneo a supporto delle decisioni
  • Aggiornamento DB gestionale
Obiettivi, destinatari e contesto: 

Il contesto pilota in cui è stata applicata la soluzione è una discarica di rifiuti industriali con recupero di biogas. La struttura operativa è composta da: N.2 sensori odorigeni a diversa capacità di saturazione N.1 stazione meteoclimatica Dato l’alto livello di miniaturizzazione e di autonomia per l’installazione non sono richieste forniture di servizi quali energia elettrica. Le dimensioni delle stazioni sono tali da non essere assolutamente ingombranti e viene richiesto un sito di posizionamento che non interferisca con le normali attività operative e che non sia influenzato da esse.

Vinciamo insieme le sfide per una PA che funzioni meglio! Segnala la tua soluzione!

Menú utente

Statistiche

Numero di soluzioni 1447
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?