Dalle piazze reali alle piazze digitali: una risposta “COVID19 proof” per mantenere e sviluppare la campagna di comunicazione “IoNonRischio”

Una risposta “COVID19 proof” e resiliente per mantenere e sviluppare la campagna di comunicazione “IoNonRischio”

Sulla scorta delle limitazioni imposte dall'emergenza COVID-19 l’edizione “Io non rischio 2020” sarà completamente dematerializzata. Ogni organizzazione di volontariato gestirà una delle tante “piazze digitali” d’Italia: punti d’incontro, confronto e informazione che, pur essendo online, tenderanno a coinvolgere i cittadini del territorio, in base al principio di prossimità.
 
La filosofia su cui si fonda questa impostazione è che non si tratterà di spazi virtuali ma, appunto, digitali, abbandonando la vecchia concezione del virtuale che si oppone al reale. Le piazze digitali saranno piazze reali che si svolgeranno in uno spazio reale, anche se digitale. 
 
Per attuare questa trasformazione, che è anche e soprattutto una trasformazione culturale, l’intero processo organizzativo e formativo è stato riprogettato attraverso mesi di lavoro a distanza, in modo da consentire una efficace realizzazione della Campagna che si svolgerà l'11 ottobre 2020
Obiettivi e destinatari: 
La revisione dell’organizzazione del CELVA e dei servizi erogati è derivata dalla necessità di assicurare il supporto ai propri enti soci nel periodo dell’emergenza sanitaria, mantenendo in essere i servizi esistenti, ma soprattutto supportando in maniera tempestiva gli enti locali nella corretta interpretazione e nell’applicazione delle disposizioni normative adottate dai Governi centrale e regionale.

Vinciamo insieme le sfide per una PA che funzioni meglio! Segnala la tua soluzione!

Menú utente

Statistiche

Numero di soluzioni 1546
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?