Dirò la mia PRO'

Decidiamo insieme per la nostra città - Bilancio Partecipativo 2018

Il bilancio partecipativo è un’ esperienza di democrazia diretta che coinvolge i cittadini nelle scelte del Comune ed in particolare, nella raccolta di idee, nella definizione di progetti e realizzazione di opere che contribuiscano al futuro e al benessere della comunità. Quest’anno la novità principale è rappresentata dai 17 obiettivi per lo sviluppo sostenibile individuati dall’ONU, che saranno il filo conduttore di questa nuova edizione. Il bilancio partecipativo ha anche la funzione di rendicontazione sociale, perché prevede momenti e strumenti di informazione rivolti alla cittadinanza, riguardanti l’operato dell’ente, gli investimenti fatti e gli interventi previsti. Un percorso di partecipazione reale, diviso in tappe e accompagnato da comunicazione puntuale e strumenti efficaci per informare e coinvolgere i cittadini.

Obiettivi, destinatari e contesto: 

Coinvolgere attivamente i cittadini per garantire la massima inclusività al progetto (conferisce legittimità alle decisioni adottate e limita l’affermazione di interessi forti). Rinforzare i legami aggregativi orizzontali sia tra i cittadini e le organizzazioni della società civile. Far crescere la rispondenza dei progetti presentati alle esigenze più sentite della Città in modo che siano sempre più orientati a una logica di bene comune. Aumentare la partecipazione dei cittadini alle nuove edizioni del BP tramite l'ampliamento del coinvolgimento delle fasce di popolazione meno presenti alle precedenti edizioni e al contempo aumentare la partecipazione in fase di voto. Includere inoltre i ragazzi con meno di 14 anni tramite il Bilancio Partecipativo junior.

Statistiche

Numero di soluzioni 1299
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?