Enhanced Radiotherapy with HAdrons

Una protonterapia più precisa contro il tumore, meno invasiva per il paziente, più sostenibile per il SSN

Erha, Enhanced Radiotherapy with HAdrons, è il primo innovativo impianto di protonterapia, brevettato Itel, che integra un acceleratore lineare, un sistema robotizzato di posizionamento paziente e un software per la valutazione dei piani di trattamento.
La macchina acceleratrice di ERHA è un acceleratore lineare (LINAC) modulare e compatto, alternativo alle macchine in commercio che sono di forma circolare di tipo “Ciclotrone” o di tipo “Sincrotrone”.
Il LINAC produce un fascio con caratteristiche ottiche migliori rispetto agli acceleratori circolari e garantisce radiazioni ambientali disperse notevolmente inferiori.
Le caratteristiche innovative del progetto sono:
• radioterapia con protoni a modulazione di intensità (IMPT);
• scanning attivo 3D (fasci modulati in energia e posizione dal sistema acceleratore e magneti) che minimizza la radiazione ai tessuti sani;
• sistema robotizzato di movimentazione e posizionamento del paziente che garantisce precisione e ripetibilità, integrato con tecnologie di imaging 3d stereoscopiche;
• software Treatment Planning System (TPS) per l’elaborazione di piani di trattamento protonterapici con valutazione radiobiologica dei fasci di protoni su cellule e tessuti attraversati dal fascio di protoni. Il software con approccio full Monte Carlo ha il supporto per cloud computing e calcolo parallelo.

Vinciamo insieme le sfide per una PA che funzioni meglio! Segnala la tua soluzione!

Menú utente

Statistiche

Numero di soluzioni 1495
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?