ESR Etna Smart Road

Realizzazione di un sistema di Information Tecnology per la sicurezza e la mobilità sostenibile lungo la SP92: Nicolosi Etna.

Il progetto si compone di due parti e prevede:

  1. la realizzazione di un impianto basato su sensori video in grado di analizzare contemporaneamente in locale ed in tempo reale le immagini per fornire informazioni circa il flusso veicolare, la situazione meteo di ciascuna delle aree monitorate e le condizioni di viabilità e di visibilità per la sicurezza nelle aree più critiche, il sistema sarà in grado di lavorare anche in presenza di condizioni meteo avverse ed eventuali condizioni di inquinamento dell’aria. Le informazioni inferite saranno veicolate tramite diverse metodologie comunicative agli utenti e ai centri di controllo per la sicurezza.
  2. La realizzazione di parcheggi scambiatori in prossimità della strada provinciale ed a distanza di sicurezza dalle aree critiche. Tali parcheggi serviranno anche da stazioni di sosta per un sistema di bus navetta a chiamata, attraverso APP e/o pulsante fisico, attrezzato per viaggiare quando le condizioni del traffico o del meteo suggeriscono la chiusura della strada al traffico veicolare lungo il percorso Nicolosi-Rifugio Sapienza e Zafferana-Rifugio Sapienza e viceversa.
Obiettivi, destinatari e contesto: 

Il sistema sarà inoltre in grado di verificare in tempo reale la disponibilità dei parcheggi sia del Rifugio Sapienza che di quelli di scambio dislocati lungo il tragitto. Le autorità competenti potranno valutare da remoto la necessità di modificare o meno la percorribilità della strada monitorata segnalando agli utenti la situazione sia mediante i pannelli a messaggio variabile, sia utilizzando la predisposta App.

Statistiche

Numero di soluzioni 1042
Opinione più recente itinerari possibili
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?