[email protected] project

Il tool ISSN per l'editoria a portata di click: identificazione internazionale e visibilità per le pubblicazioni italiane

Il progetto [email protected] intende consentire agli editori italiani di riviste e collane digitali di richiedere e ottenere il codice internazionale ISSN tramite una piattaforma user-friendly.

L'ISSN è un codice numerico internazionale - gestito dal Network ISSN, http://www.issn.org, costituito dai Centri nazionali di circa 90 paesi - usato per la creazione dei codici a barre delle riviste, ed è quindi necessario per la distribuzione commerciale (in Italia il codice a barre per le riviste sarà obbligatorio per legge dal 2018).

In Italia l'ISSN è anche uno dei requisiti editoriali necessari affinché una rivista scientifica possa rientrare negli elenchi certificati dall'Agenzia nazionale per la Valutazione ANVUR.

In Italia il codice ISSN viene rilasciato dal Centro nazionale della Biblioteca Centrale CNR.

Il progetto [email protected] intende attivare a livello nazionale una procedura interamente online e trasparente per la richiesta di codice per le riviste/collane digitali, in modo da diffondere su web in tempo reale le informazioni relative alle nuove pubblicazioni italiane e rendere pubblico e riconoscibile il codice ISSN ad esse associato.

Gli editori italiani potranno connettersi alla piattaforma, fornire i dati della propria pubblicazione online - compreso il link al prodotto, l'eventuale cover e una breve descrizione dei contenuti - e ottenere un codice identificativo provvisorio, che verrà poi convalidato dal Centro nazionale ISSN.

Statistiche

Numero di soluzioni 898
Opinione più recente Semplice ed efficace
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?