FUSS - Free Upgrade for a digitally Sustainable School

Progetto di digitalizzazione sostenibile della didattica nelle scuole

FUSS è un progetto di sostenibilità digitale per la scuola e nel contempo un prodotto free software (sistema operativo GNU/Linux ed applicativi) per la gestione di una rete scolastica. FUSS ha portato alla migrazione verso software libero di tutte le scuole in lingua italiana della Provincia Autonoma di Bolzano: ad oggi lo usano 1.800 docenti e 16.000 studenti; è installato su 4.000 desktop e 60 server in circa 80 scuole. FUSS è coordinato e finanziato dalla Direzione Istruzione e formazione italiana e l’attuale partner tecnologico che collabora alla realizzazione è l'azienda italiana Truelite Srl. FUSS è un progetto all’avanguardia sul territorio nazionale ed ha permesso di rendere digitalmente sostenibile la didattica grazie a quattro obiettivi fondamentali: l’utilizzo di software libero, l’impiego di formati aperti, la creazione di contenuti liberi ponendo così le basi per il quarto obiettivo che dovrebbe essere garantito da ogni scuola per definizione: il libero accesso al sapere.

Obiettivi, destinatari e contesto: 

I destinatari di FUSS in quanto soluzione di sostenibilità digitale sono - le scuole (in generale tutti gli utenti di una rete scolastica) - le famiglie - ed i cittadini non solo della Provincia Autonoma di Bolzano, ma di tutto il territorio nazionale. A tutela dell’investimento di soldi pubblici ed a norma dell’art. 69 del Codice dell’Amministrazione Digitale, tutto il software e la documentazione a corredo prodotti dal progetto FUSS sono pubblici e disponibili con una licenza aperta.

Vinciamo insieme le sfide per una PA che funzioni meglio! Segnala la tua soluzione!

Menú utente

Statistiche

Numero di soluzioni 1447
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?