Help for All

Condivide le modalità di soccorso delle persone con disabilità, perchè spesso i disabili sono chi deve soccorrere.

L’app HelpforAll nasce nell’ambito dell’Osservatorio sulla sicurezza e soccorso delle persone con esigenze speciali con l’obiettivo di condividere esperienze sulle modalità di soccorso delle persone con disabilità e diffonderle tra tutte le persone che potrebbero trovarsi ad aiutare una persona con specifiche necessità.

Sono considerate le tipologie di disabilità più comuni, come quelle motorie, sensoriali (sordità e cecità) e quelle cognitive (autismo e sindrome di down) e le indicazioni operative sono integrate con filmati che illustrano le specifiche tecniche operative considerate.

Obiettivi, destinatari e contesto: 

Help for All, applicazione in via di sviluppo (parte tematica e tecnologia già definita, parte multimediale in via di completamento) ha come obiettivo, la raccolta delle informazioni per una buona e corretta attuazione delle procedure e delle attività di soccorso a persone con esigenze speciali. L'applicazione è sviluppata in ambiente friendly e di semplice quanto veloce navigazione, consente a chiunque di consultare, tipologie di applicazione, tecniche operative e modalità di gestione, di tutte quelle informazioni che i professionisti del soccorso come Vigili del Fuoco mettono quotidianamente in atto per la loro attività di soccorso. Il fine dell'applicazione è meramente informativa, sviluppata in collaborazione con associazioni di categoria, enti ospedalieri e professionisti del soccorso, raccoglie semplici quanto uniche guide tematiche. Tramite la realizzazione di video,grafiche e supporti audio

Vinciamo insieme le sfide per una PA che funzioni meglio! Segnala la tua soluzione!

Menú utente

Statistiche

Numero di soluzioni 1447
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?