Idea Management System 2019 Idee per Lecce

2019Idee: le tue idee per reinventare un territorio

L’Idea Management System (IMS) nasce dell’ambito del progetto 2019Idee per il percorso di candidatura di Lecce a Capitale Europea della Cultura 2019 al fine di supportare il processo partecipativo del cittadino alla realizzazione di una città intelligente, rappresentando l’elemento chiave che ha portato Lecce a superare il primo step ed accedere alla fase finale di candidatura. La sfida per Lecce2019 si intreccia profondamente con quella che mira a fare di Lecce una Smart City e per il capoluogo salentino l’engagement e l’ascolto dei bisogni dei cittadini rappresentano un elemento cruciale. In tal senso è stata adottata una soluzione tecnologica che consiste in un sistema di Idea Management sviluppato per la valorizzazione della conoscenza e dell’intelligenza dei membri di una comunità e per supportare le amministrazioni nell’individuazione dei bisogni dei cittadini al fine di disporne in maniera costruttiva e utile. L’IMS nasce dal co-working tra l’Ufficio Smart City del Comune di Lecce e il laboratorio didattico-scientifico [email protected] avviato dal Dhitech Scarl e ammesso dal MIUR ai finanziamenti previsti dal PON R&C 2007/2013 come supporto online ai Laboratori Urbani Aperti Creativi (LUAC) che consistono in ambienti informali di dibattito e discussione finalizzati a dar voce ai cittadini e al loro desiderio di partecipazione. Questa attività è stata supportata da PugliaSmartLab, il Living Lab (LL) del progetto [email protected] che rappresenta uno spazio di innovazione fisico e virtuale in cui cittadini, Pubblica Amministrazione e imprese collaborano in modo paritario per l’individuazione di bisogni concreti e la co-creazione di soluzioni innovative. L’IMS mira a migliorare l’accessibilità, l’inclusione sociale e la condivisione di contenuti tra Pubblica A e cittadini. Questi ultimi, infatti, possono condividere online idee relative alla soluzione di un problema avvertito o contribuire ad aumentare il benessere all’interno della città. In particolare la piattaforma consente di raccogliere le idee per supportarne l’implementazione in tutte le fasi del ciclo di vita. Le idee possono essere classificate in base alle otto diverse “utopie” (DEMOCRAtopia; POLIStopia; EDUtopia; PROFItopia; ECOtopia; ESPERIENtopia; ARTopia), che costituiscono il processo di REINVENTARE EUTOPIA per Lecce2019. Le otto Utopie si incontrano per generare un salto utile a reinventare noi stessi ed il territorio in un processo bottom-up, parte di un approccio olistico al cambiamento e allo sviluppo. L’impiego di un IMS, in un contesto aperto e a supporto della pianificazione strategica, fornisce agli amministratori uno strumento di supporto alla individuazione delle priorità degli interventi da attuare. A tale scopo sono state implementate estensioni delle funzionalità del sistema in grado di fornire feedback riguardo al grado di partecipazione e di discussione delle idee all’interno della comunità cittadina.

Obiettivi, destinatari e contesto: 

La soluzione nasce nell’ambito del percorso di candidatura di Lecce a Capitale Europea della Cultura 2019 per supportare il processo partecipativo del cittadino alla realizzazione di una città intelligente. La piattaforma tecnologica è stata donata all’amministrazione comunale della città di Lecce a seguito del rapporto di co-working tra l’Ufficio Smart City del Comune di Lecce e il laboratorio didattico-scientifico [email protected]

Vinciamo insieme le sfide per una PA che funzioni meglio! Segnala la tua soluzione!

Menú utente

Statistiche

Numero di soluzioni 1447
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?