Imusa

Usa il museo

Imusa è un’ App gratuita ed è la prima guida low cost dei musei specializzati. I musei specializzati secondo la classificazione del MIBACT sono dedicati ad un settore o ambito molto specifico e monotematici; spesso sono musei aziendali o legati a collezioni fuori dall’ordinario. Nati spesso da iniziative delle amministrazioni locali con lo scopo di valorizzare e far conoscere le tradizioni e le eccellenze specifiche del luogo possono essere Musei di storia locale, musei delle tradizioni contadine ma anche di specifiche attività artigiane (pizzo, tessuti, museo del marmo, del legno, del vetro o delle scarpe) oppure prodotti particolari (il vino o l’olio) o in una determinata tipologia di oggetti (museo del ciclismo ad esempio). Musei specializzati perché all’estero sono una importante attrazione turistica ma in Italia sono ancora poco conosciuti. Low cost perché propone al turista la visita a musei ad alto valore culturale, a basso costo e situati in località di grande interesse anche se meno famose o in località circostanti le grandi città. Ecco perché nasce imusa. Diffondere il concetto di museo specializzato italiano in linea con gli standard internazionali. Promozione della conoscenza e/o valorizzazione dell'identità locale e del territorio. Attualmente presente sul Portale della Regione Toscana Opentoscana. Basata sul riuso di opendata, utilizza le mappe di OpenStreetMap, framework e librerie open source. L’App occupa solo 3Mb.

Vinciamo insieme le sfide per una PA che funzioni meglio! Segnala la tua soluzione!

Menú utente

Statistiche

Numero di soluzioni 1495
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?