INAIL - Sistema di diagnostica radiologica per immagini

La radiologia: da analogico a digitale su scala nazionale

Il progetto si propone di realizzare un sistema integrato che consenta la gestione digitale dell’intero flusso di lavoro delle radiologie dell’Istituto nelle sue varie fasi. E’ prevista l’acquisizione di licenze sw di prodotti RIS e PACS integrati e dei relativi servizi connessi di installazione e configurazione, la personalizzazione e integrazione del sistema RIS e PACS con i sistemi INAIL istituzionali e strumentali ed, infine, l’acquisizione di componenti hw per la digitalizzazione delle immagini, per la refertazione e per la creazione di cd medicali su cui fornire immagini e referti agli infortunati richiedenti. Il sistema gestirà, in modo unitario e coordinato, le immagini diagnostiche e i referti utilizzando standard propri dei sistemi sanitari (DICOM 3.0, HL7, profili IHE), al fine di consentire l’interazione anche con le realtà esterne, e garantirà la refertazione delle immagini diagnostiche generate da tutti gli ambulatori radiologici distribuiti sul territorio.

Obiettivi, destinatari e contesto: 

Medico radiologo: esegue le refertazioni degli esami diagnostici effettuati all’interno e/o all’esterno dell’Istituto; TSRM: esegue autonomamente o in collaborazione con il Medico Radiologo gli esami diagnostici, che richiedono l’uso delle radiazioni ionizzanti, di energie termiche, ultrasoniche, di risonanza magnetica; Medico legale prescrittore: prescrive l’esame diagnostico; Amministratore sanitario di sistema: esegue le operazioni di configurazione del sistema.

Statistiche

Numero di soluzioni 1042
Opinione più recente un'applicazione... utile?
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?