INSIDE THE BREATH

Diagnosi precoce dei tumori? In un soffio Analisi dei metaboliti gassosi presenti nell'espirato umano finalizzata alla diagnostica 'smart'

Mai più esami invasivi a tappeto. Per individuare le patologie più diffuse basterà analizzare il respiro umano.

Questo progetto di ricerca e pre-Industrializzazione dell'Università di Bari, supportata da tre aziende pugliesi, si pone l'obiettivo di sviluppare un sistema diagnostico "smart", cioè una macchina leggera, a zero impatto sul paziente e di massima affidabilità. Attraverso un semplice soffio all'interno di questa apparecchiatura (simile a uno spirometro), si otterrà un'indicazione chiara sulla presenza di una determinata patologia. Come? Si parte dalla breathomica, scienza piuttosto recente che, attraverso l'analisi dei composti organici volatili (VOCs) presenti nell'espirato, è in grado di interpretare la presenza di queste molecole (metaboliti gassosi) e creare dei modelli di previsione.

La ricerca chimico-biologico-sanitaria si integra con la progettazione ingegneristica della macchina che, registrando il composto del soffio del paziente, sarà in grado di analizzare i dati e fornire la diagnosi.

Obiettivi, destinatari e contesto: 

Lo strumento che si sta industrializzando sarà in grado di diagnosticare molteplici patologie: del sistema gastro-intestinale, respiratorio, nervoso centrale e periferico, infezioni del tratto respiratorio, apnee ostruttive nel sonno, cancro della mammella, dell'apparato genitale, della prostata.  Notevoli i vantaggi: abbattimento dei costi per il SSN e le attuali tecniche diagnostiche (colonscopia, analisi del sangue, mammografia, ecc) che diventano esami di secondo livello, con impatto su liste d'attesa e sofferenza dei pazienti, soprattutto più deboli e anziani. Sarebbe pertanto un'innovazione che interessa potenzialmente il 23% della popolazione italiana (sono gli over 65). Ma la ricerca non si fermerà qui, passando allo sviluppo di strumenti per la diagnosi di diverse patologie: il passo successivo, già definito nel progetto, riguarda l'asma infantile. Dagli anziani ai bambini, per il bene comune.

Le ultime soluzioni pubblicate