KETONET, un'APP per la gestione della dieta chetogena

#insiemeperilglut1

La dieta chetogenica è una terapia dietetica messa a punto originariamente per curare forme di epilessie farmacoresistenti dei bambini. Negli ultimi decenni si è confermata la sua efficacia in diverse patologie e sono state create le linee guida per una corretta applicazione. KETONET (www.ketonet.it) è un’APP sviluppata per la gestione della dieta chetogena al fine di supportare le famiglie nella creazione dei pasti e di semplificare gli scambi di informazioni tra pazienti e medici. È modulabile e utilizzabile per qualsiasi protocollo della dieta chetogena (dieta MCT, dieta Atkins modificata, dieta dei bassi indici glicemici). KETONET è gratuita, facilmente scaricabile, intuitiva, consultabile ovunque, con un data base di alimenti e di ricette personalizzabile e interattivo, con una semplice interfaccia coi medici di riferimento, al fine di agevolare al massimo gli interscambi riguardanti informazioni alimentari e dati clinici tra pazienti e dottori.

Obiettivi, destinatari e contesto: 

KETONET cambierà radicalmente la quotidianità dei pazienti che seguono i protocolli chetogeni (in particolare delle famiglie dei pazienti affetti da sindrome da deficit di GLUT1 e con forme di epilessia farmacoresistenti), semplificando enormemente la costruzione e la personalizzazione della singola dieta, che sarà redatta conformemente alle indicazioni dei medici, ma che potrà essere adattata sulla base dei gusti del paziente, aumentando così la compliance della stessa.

Statistiche

Numero di soluzioni 1300
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?