LibraRisk. Il Piano Comunale di Protezione Civile sempre in tasca

La comunicazione del rischio (Piano Comunale di Protezione Civile e avvisi alla cittadinanza) su Internet mobile

La legge 100 del 2012 obbliga le Municipalità italiane a dotarsi di un Piano Comunale di Protezione Civile e a comunicarne in modo efficace i contenuti alla popolazione. A fronte di una notevole diffusione su scala nazionale dei Piani di Protezione Civile (il 77% delle Municipalità è dotata di un Piano. Fonte: Dipartimento Nazionale di Protezione Civile, 2014), si deve rilevare che:

  • vi è scarsa diffusione, nella cittadinanza, dei contenuti dei Piani di Protezione Civile (il posto in cui viviamo potrebbe essere interessato da scenari di rischio?);
  • i Piani sono strumenti tecnici, con una scarsa propensione comunicativa;
  • vi è scarsa cultura diffusa del rischio, che si fa fatica a comunicare se non durante o a valle di eventi calamitosi;
  • le Amministrazioni locali incontrano notevoli difficoltà per attivare canali di comunicazione diretta con la cittadinanza al fine di diffondere in modo tempestivo informazioni in tema di Protezione Civile.

L’Internet mobile può contribuire ad alimentare una cultura diffusa del rischio: la sua crescente diffusione, le funzioni social, le esperienze di interazione con i dati garantite dalla sensoristica dei device e le nuove forme di messaggistica possono attivare nuove forme di comunicazione preventiva del rischio.

COSA E’ LIBRARISK?

LibraRisk lavora sul problema appena esposto e, sfruttando le potenzialità dell’Internet mobile, consente ai COMUNI:

  • di pubblicare i propri Piani di Protezione Civile e renderli fruibili a popolazione e operatori su smartphone e tablet tramite la app gratuita LibraRisk;
  • di attivare un servizio di invio avvisi alla popolazione, in modalità push, e rendere così operativo un canale di comunicazione diretto con la cittadinanza in tema di Protezione Civile (previsioni di stati di allerta, segnalazioni di emergenze in corso, comunicazioni "in tempo di pace")

a CITTADINI e OPERATORI:

  • di avere accesso ai Piani su device mobili, per una consultazione interattiva anche in assenza di copertura di rete;
  • di ricevere e condividere in tempo reale gli avvisi inviati dal Comune attraverso uno strumento della app denominato "Piano Familiare".

E’ inoltre in fase di sviluppo una nuova release (attiva da fine ottobre 2015) della piattaforma che, fra l'altro:

  • consentirà ai Comuni (o Enti sovra-ordinati) di inviare notifiche differenziate a Operatori di Protezione Civile, cittadini e gruppi di persone che ogni Municipalità avrà la possibilità di gestire in autonomia;
  • invierà, in modo geograficamente mirato e conformemente al nuovo sistema di allerta nazionale basato sui codici colore, notifiche ai cittadini dei Comuni che hanno aderito alla piattaforma e per i quali i Bollettini del Dipartimento Nazionale di Protezione Civile segnalino condizioni di criticità;
  • consentirà al cittadino di inoltrare le notifiche ricevute dall'Amministrazione, oltre che via social e mail, anche tramite sms e whatsapp.
Obiettivi, destinatari e contesto: 

I servizi LibraRisk sono GIA' STATI ADOTTATI dai 18 Comuni della Comunità Montana di Valle Trompia e dalle Municipalità di Palazzolo sull'Oglio e Gussago (BS). Sono inoltre IN FASE DI ATTIVAZIONE i servizi sulle 16 Municipalità della Comunità Montana di Valle Imagna (BG), sulle 19 Municipalità della Comunità Montana di Oltrepò Pavese (PV) e sui Comuni di Poggiomarino (NA), Siano (AV), Lonate Pozzolo e Ferno (VA), Trezzo d'Adda (MI), Arluno (MI) e Roscigno (NA). Altri accordi sono in fase di definizione

Vinciamo insieme le sfide per una PA che funzioni meglio! Segnala la tua soluzione!

Menú utente

Statistiche

Numero di soluzioni 1447
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?