Ma la cartografia corrisponde ai dati ufficiali?

Pubblicazione della cartografia della prima adozione da parte della Giunta Regionale dell’Aggiornamento – anno 2016 – del Piano di Assetto Idrogeologico dell’Autorità di Bacino regionale delle Marche.

La parola che ha guidato la realizzazione del progetto è stata “integrazione”, di norme, dati e sistemi.

Le attività si sono concentrate sull’individuazione delle migliori modalità di pubblicazione delle informazioni, per unire la diffusione di dati ufficiali ad una facilità e una pluralità di modalità di lettura degli stessi.

Sempre più spesso infatti si riescono a reperire le informazioni cartografiche dei piani territoriali ma allo stesso tempo non è sempre agevole reperire in forma coordinata le fonti ufficiali di pubblicazione delle stesse.

Lo scopo del progetto è quindi quello di reingegnerizzare le modalità di diffusione dei dati per integrare, organizzare ed evidenziare al meglio le varie tipologie di dati disponibili tra i quali: le tavole cartografiche firmate digitalmente (allegate all’atto di approvazione in linea tecnica con successiva adozione delle stesse), la visualizzazione webgis del piano, i file vettoriali cartografici e i servizi di interoperabilità per la consultazione tramite sw GIS dei dati.

Ciò si è ritenuto particolarmente utile per favorire la partecipazione dei cittadini e degli stakeholder al processo di revisione del Piano, anche nell’ottica dell’applicazione del Freedom Of Information Act (FOIA) e a garanzia dell’integrità del dato ufficiale.

Obiettivi, destinatari e contesto: 

Obiettivo principale è rendere facilmente disponibile l’informazione cartografica ufficiale del PAI (tavole firmate digitalmente) garantendo l’integrità del dato oltre che la trasparenza all’accesso dello stesso mediante varie metodologie (webgis, open-data, interoperabilità con sw GIS). Si ritiene che questa modalità possa migliorare la partecipazione degli interessati alla procedura di aggiornamento del Piano e in qualche modo aumentare la cultura sull’analisi critica della cartografia a vario titolo disponibile per comprendere la differenza tra versione ufficiale (riferita ad es. ad una determinata base e scala cartografica) e non ufficiale. I Principali destinatari sono sia le Amministrazioni pubbliche (principalmente comuni, province, comunità montane) che i soggetti privati (cittadini, liberi professionisti, aziende in generale).