MADLER

Modello partecipato per Agende Digitali Locali in Emilia-Romagna

Madler è un progetto della Regione Emilia-Romagna nato per promuovere la pianificazione delle politiche ICT a livello locale.

Comuni ed Unioni vengono accompagnati nel processo di ideazione, creazione e adozione della loro Agenda Digitale Locale (ADL): strumento politico programmatico nato con lo scopo di assicurare che la popolazione possa usufruire dei benefici generati dalle tecnologie.Il progetto vuole garantire i diritti digitali ai cittadini per giungere, nel 2020, ad un territorio ed una popolazione “100% digitale”.

Malder è suddiviso in fasi: viene analizzato lo sviluppo tecnologico del Comune attraverso la redazione di un “profilo digitale territoriale” (banda larga, competenze digitali, uso internet/servizi online/social, organizzazione ente,…).

In seguito, dopo aver esposto le risorse messe a disposizione dalla Regione (progetti, piattaforme, supporto…), l’ente coinvolto decide la propria strategia digitale.Le strategie digitali sono sottoposte al vaglio dei portatori di interesse del territorio tramite un percorso partecipato.

Dopo aver ricevuto le indicazioni dei portatori di interesse, viene redatta ed approvata l’Agenda Digitale Locale, patto per l’innovazione con il territorio.

La Regione accompagna e supporta gli enti in tutte le fasi fino al raggiungimento della ADL.

Attualmente tutte le città principali e diverse Unioni sono dotate di ADL per un totale di quasi due milioni di persone.

Obiettivo della Regione è che tutti gli enti del territorio si dotino di una ADL.

Obiettivi, destinatari e contesto: 

Gli obiettivi principali di MadlER sono i seguenti: - definire formalmente delle priorità strategiche degli enti partecipanti in relazione alle priorità dell’Agenda Digitale dell’Emilia-Romagna, dell'Agenda Digitale Italiana e dell'Agenda Digitale Europea; - indentificare processi di consultazione innovativi per coinvolgere tutti gli stakeholder di riferimento del territorio; - incrementare le competenze delle figure decisionali degli enti locali; Destinatari del progetto sono Comuni ed Unioni di Comuni. Durante il percorso partecipato previsto e necessario per dotarsi di Agenda Digitale Locale, gli enti coinvolgeranno tutti i portatori di interesse del territorio (cittadini, imprese, volontari, terzo settore, …).