Metodo e strumento operativo per il calcolo del dividendo dell’efficienza

Misurare i vantaggi derivanti dalla digitalizzazione dei procedimenti amministrativi

Il modello di stima del dividendo dell'efficienza, sviluppato per rispondere all’art. 15 del CAD, si colloca all'interno dell'area prioritaria di intervento "Interoperabilità e standard" definita all’interno della Agenda Digitale Lombarda 2011 -2015. Effettivamente il modello va oltre quanto strettamente normato dal CAD, proponendo una cornice di analisi più ampia che tenga conto dei risparmi in termini di tempi e costi anche per l'utente finale, non solo per la PA, e fornisca altresì indicatori, trasversali a tutti i progetti, di monitoraggio e valutazione delle interfacce di front-office e dei meccanismi di back-office. Obiettivo del modello infatti è valutare i risparmi ottenibili dalla reingegnerizzazione, la digitalizzazione e la standardizzazione di processi e procedure allo scopo di favorire azioni di semplificazione e migliorare l’accesso e la fruizione ai servizi pubblici", nonché ridurre i tempi e i costi di tali processi e procedure sia per la PA che per i cittadini, i professionisti e le imprese.

L’applicazione, oggi disponibile, è stata preceduta da una serie di azioni:

  • la presentazione di una prima versione del modello ad un gruppo di enti sui quali erano stati attivati progetti di reingegnerizzazione con cofinanziamento regionale;
  • l'organizzazione, a valle dell'incontro di presentazione preliminare, di giornate di formazione presso i vari Enti Locali coinvolti finalizzate alla declinazione del modello sui procedimenti previsti specificamente da ogni singolo progetto. Inoltre, durante tutto il periodo di start-up del modello, si è altresì fornita assistenza a distanza, agli Enti che lo richiedessero, per la determinazione degli indicatori;
  • le giornate di formazione avevano l'ulteriore obiettivo di testare il modello, modificandolo e perfezionandolo anche sulla base delle richieste, delle osservazioni e delle esigenze pervenute a Regione dagli Enti Locali. La versione finale del modello è stata di conseguenza rilasciata a fine agosto 2012;
  • a supporto degli Enti Locali, Regione Lombardia ha attivato un'area di lavoro on line condivisa, affinché gli attori coinvolti potessero scambiarsi e condividere i file relativi alla determinazione degli indicatori necessari a effettuare una stima del dividendo dell'efficienza;

La traduzione del modello nella attuale forma, compilabile on line da qualunque ente interessato alla verifica dei risultati operativi raggiungibili dall’applicazione di soluzioni ICT evolute, è la logica conseguenza delle sperimentazioni operate. La guida alla compilazione, presente nell’applicazione, e l’impegno della Regione a garantire assistenza diretta agli enti che si attiveranno, consentiranno sicuramente una crescita culturale nelle Pubbliche Amministrazioni ed una contemporanea richiesta di adeguamento alle migliori prassi da parte dei cittadini.

Vinciamo insieme le sfide per una PA che funzioni meglio! Segnala la tua soluzione!

Menú utente

Statistiche

Numero di soluzioni 1495
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?