Miratour

Miratour crea app di audioguida per comuni pro loco e operatori turistici, volti a valorizzare il patrimonio artistico locale

Miratour intende sviluppare un network di audioguide turistiche, ciascuna delle quali sarà dedicata ad una città o ad una meta turistica (es Miratour Siena, Miratour London, ecc). Queste audioguide utilizzeranno tecnologie altamente innovative, quali la geolocalizzazione e l’integrazione con i social network, per garantire ad ogni tipologia di utente la miglior esperienza possibile. Miratour intende mettere a frutto l’esperienza delle guide turistiche locali per creare contenuti audio professionali e di alta qualità sulle principali mete turistiche italiane e globali. Le guide saranno incentivate a collaborare con la società, in quanto Miratour darà loro visibilità all’interno dell’applicazione, permettendo ai turisti di prenotare tour più approfonditi con gli autori dei contenuti. Il principale modello di business di Miratour consisterà nella distribuzione delle applicazioni attraverso partnership whitelabel con gli operatori turistici locali, pubblici e privati. In questo caso, Miratour creerà un’applicazione che permetta all'entità che l’ha commissionata (il per esempio un comune o una pro loco) di distribuirla gratuitamente ai turisti per valorizzare il territorio. La monetizzazione del canale whitelabel avverrà attraverso il pagamento di un canone di abbonamento da parte dell’operatore turistico che ha commissionato l’operazione, inclusivo dei costi di supporto clienti e aggiornamento dell’applicazione di cui si occuperà Miratour per tutta la durata del contratto.

Vinciamo insieme le sfide per una PA che funzioni meglio! Segnala la tua soluzione!

Menú utente

Statistiche

Numero di soluzioni 1546
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?