NetFood – Networking for Food Challenge

Sistema innovativo di gestione informatizzato partecipato e diffuso di eccedenze alimentari lungo la filiera impresa-donatario-utente finale

Ogni anno, nel mondo, il valore dello spreco alimentare è di 1.000 mld di dollari; in Europa vengono gettati quasi 88 mln di tonnellate di cibo (Fusions 2016). In Italia, lo spreco alimentare vale oltre 8 mld di euro ogni anno (Osservatorio Waste Watcher, 2014), con perdite ingenti nel settore agricolo, della trasformazione e del commercio (Università di Bologna, 2013). Il progetto “NetFood – Networking for Food Challenge” affronta le criticità dell’attuale modello di consumo, attraverso lo sviluppo di una piattaforma online per la gestione della raccolta delle eccedenze alimentari di esercizi commerciali e per la distribuzione di queste a persone in difficoltà economica sul territorio della Città Metropolitana di Roma e zone limitrofe, riducendo gli sprechi e inserendoli in un sistema distributivo più efficiente e più innovativo, sia in termini tecnologici che di opportunità lavorative, che tenda all’ideale dei rifiuti 0 e ad un modello di consumo e di produzione più sostenibili.

Obiettivi, destinatari e contesto: 

“NetFood” vuole favorire e incrementare il recupero delle eccedenze alimentari e l’abbattimento degli sprechi (Obiettivo Generale). Il progetto vuole migliorare la catena di raccolta, utilizzo e distribuzione delle eccedenze alimentari all’interno della Città Metropolitana di Roma Capitale e zone limitrofe (Obiettivo Specifico) attraverso un innovativo sistema di gestione informatizzato, partecipato e diffuso delle eccedenze alimentari e scarti agricoli lungo la filiera impresa-soggetto donatario-utente finale (Risultato Atteso). Il progetto si rivolge a imprese agricole ed esercizi commerciali nel settore alimentare dell’area dei Castelli/Roma Sud-Pomezia, che conferiranno le loro eccedenze alimentari, riducendo costi di gestione e magazzino e beneficiando degli sgravi fiscali previsti per chi riduce gli sprechi in modo ecosostenibile; a soggetti donatari ai sensi dell’art. 2 L. 166/2016 che faranno parte del network; a famiglie meno abbienti che beneficeranno di derrate alimentari.

Statistiche

Numero di soluzioni 1300
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?