Opinioni su "Non mandare in fumo la tua Sapienza"

da seguire e continuare

ottima iniziativa!

da seguire e continuare

ottima iniziativa!

educare è prioritario nella nostra società

il Ministero per l'Ambiente e la Sanità devono promuovere iniziative congiunte per diffondere campagne educazionali permanenti negli spazi esterni comuni e possono deliberare la presenza dei raccoglitori per cicche all'esterno di tutti gli esercizi pubblici .

UN MESSAGGIO PER LA FUCINA DEL SAPERE

Tabagismo e Problemi Fumo-correlati rappresentano la piaga più pesante che l'umanità si sia tirata addosso nell'ultimo secolo. Questo olocausto dorato che miete 7 milioni di vittime ogni anno nel mondo, deve permeare completamente gli ambienti della cultura e della formazione professionale. Grande iniziativa.

sapienza senza fumo

Iniziativa interessante, la riduzione del fumo rende la sapienza più pulita (sapienza senza cicche)

Quello che ci vuole!

Un a lodevole iniziativa di un gruppo molto attivo nella prevenzione del tabagismo. Continuate cosi! Sensibilizzate i giovani su tutti gli aspetti negativi del fumo di tabacco!

Iniziativa eccellente

Il fumo provoca malattie, e i mozziconi inquinano per anni. I fumatori purtroppo non si rendono conto facilmente di quanto il fumo posse essere fastidioso. L'iniziativa ha il pregio di ridurre lo spargimento di mozziconi nell'Ateneo più grande d'Italia, che è un valore che deve essere salvaguardato.

Sapienza libera dal fumo

Al terzo anno dal Progetto bisognerà forse passare a iniziative che determinino sanzioni per i trasgressori . Purtroppo la cultura funziona ma le leggi con le sanzioni relative (vedi quella antifumo nei locali pubblici) sono state determinanti.

Semplice ma intelligente

Geniale!

Statistiche

Numero di soluzioni 1299
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?