Padova POP City Cloud

Padova POP City, dove POP sta per “Priority Of Persons”: una città in cui le persone sono il baricentro delle azioni messe in campo;

Il sistema prevede un luogo virtuale, il Cloud, in cui sono presenti una serie di applicazioni specifiche, ognuna relativa al servizio fornito. Sia il pannello di controllo sul Sito Web che le App sono pensate per essere modulari ed efficienti. Ognuno potrà scaricare l’App specifica per il servizio a cui è interessato o personalizzare la propria esperienza sul Cloud tramite moduli selezionabili / deselezionabili da applicare alla propria “Home Page”. Alla base del progetto deve esserci un Database “Open Data” messo a disposizione da parte dei soggetti coinvolti nel progetto: le amministrazioni pubbliche, che condivideranno le informazioni necessarie al funzionamento del Cloud; le aziende, le associazioni, le imprese, gli esercizi commerciali, che saranno partners del progetto; gli utenti che, iscrivendosi al Cloud, inseriranno una serie di dati anche tecnici richiesti per il funzionamento delle applicazioni. Saranno presenti un pannello di controllo per l’utente, uno per gli addetti al lavoro del Cloud ed uno da mettere a disposizione della Pubblica Amministrazione per l’immissione, aggiornamento e prelievo dei dati dai Database. Tale sistema sopperirà alla difficolta della Pubblica Amministrazione di ottenere dati relativi agli utenti privati che con la partecipazione al Cloud invece saranno motivati all’inserimento di informazioni relative ai propri comportamenti, usi e abitudini.

Il sistema prevede l’assegnazione di un valore virtuale per premiare gli utenti che adotteranno comportamenti ecosostenibili. Questo valore virtuale potrà poi essere speso in agevolazioni e finanziamenti atti all’ecosostenibilità, sconti presso esercizi commerciali facenti parte del Cloud, sconti presso le postazioni di car/bike sharing etc. Il valore virtuale sarà rappresentato da crediti rappresentati sotto forma di “foglie”, simbolo della componente green del progetto. Poiché il concetto di inclusione sociale è il Leitmotiv del progetto, si è data particolare attenzione agli utenti con disabilità motorie, visive e uditive. Il Cloud sarà progettato con moduli/software appositi per i non/ipo vedenti, con la trasformazione dei messaggi visivi in sonori, e per i non/ipo udenti i messaggi sonori saranno trasformati in testi e pittogrammi di lettura immediata. Padova POP City impara dagli utenti e fornisce informazioni personalizzate in base alla posizione, grafico sociale, profilo, intento e ora del giorno.

Ciò apre numerose opportunità anche da un punto di vista commerciale; le aziende potranno con estrema facilità indirizzare le offerte all’utente interessato alla specifica categoria merceologica attraverso l’incrocio delle informazioni fornite dall’utente nell’uso delle varie App. Il sistema si configura così efficiente in termini commerciali e sarà facile l’inclusione nel progetto di molti Partener commerciali. La struttura delle App modulare consentirà di personalizzare le informazioni sulla propria Home Page in base alle singole abitudini, desideri e passioni.

Obiettivi, destinatari e contesto: 

Padova POP City Cloud è stata progettata nell’ambito del Concorso di idee Padova Soft City indetto dalla Camera di commercio di Padova e dal Comune di Padova nel giugno 2015, nel quale [email protected] srls è vincitore pari merito con altri quattro progetti. Potrebbe essere adottata dal Comune di Padova e si rivolge ai fruitori del territorio del Comune.

Vinciamo insieme le sfide per una PA che funzioni meglio! Segnala la tua soluzione!

Menú utente

Statistiche

Numero di soluzioni 1447
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?