Piano Urbano della Mobilità Sostenibile - PUMS Bologna Metropolitana

Soluzioni per favorire nuovi stili di vita e mobilità attiva. Per muoversi meglio,in modo più sano,moderno,efficiente. Con un’altra velocità

Il PUMS della Città metropolitana di Bologna è un Piano strategico che riguarda l’intero territorio metropolitano:con un orizzonte temporale medio-lungo e monitoraggio biennale,è correlato ai piani settoriali e urbanistici a scala sovraordinata e comunale.Il principale obiettivo è rendere la Città metropolitana di Bologna più attrattiva attraverso elevati livelli di qualità urbana e vivibilità al fine di potenziare la coesione e l’efficienza del sistema territoriale nel suo complesso e il ruolo di città internazionale del suo capoluogo.

Gli obiettivi del PUMS sono legati ai temi dell’accessibilità,tutela del clima,salute e salubrità dell’aria,sicurezza stradale,vivibilità e qualità urbana.

I fattori d’innovazione del PUMS sono molteplici: innanzitutto è il primo PUMS nazionale sviluppato a livello metropolitano in stretto rapporto con il Comune capoluogo e con un ampio processo di partecipazione sviluppato a più livelli che include un Comitato Scientifico,un Forum e un Ufficio di Piano.

Soggetti coinvolti: oltre ai capofila Città metropolitana di Bologna e Comune di Bologna hanno collaborato all’elaborazione del PUMS gli enti istituzionali: ITL Istituto trasporti e Logistica, Regione Emilia-Romagna, Unioni di Comuni della Città metropolitana, Agenzia SRM - Reti e Mobilità, ARPAE, AUSL Bologna e Imola, Ospedale Sant’Orsola, Osservatorio per l'educazione alla sicurezza stradale, Università di Bologna. L’ampio processo di partecipazione a più livelli include Comitato Scientifico, Forum della mobilità sostenibile, tavoli con oltre 130 stakeholders, incontri con Unioni e un Ufficio di Piano, indagini online e laboratori di quartiere rivolti ai cittadini.

Obiettivi, destinatari e contesto: 

Obiettivo generale è la riduzione al 2030 delle emissioni da traffico veicolare del 40% rispetto al 1990 (Accordo di Parigi) da raggiungersi attraverso due componenti: la decarbonizzazione del parco circolante (per il 12%) e la riduzione del traffico veicolare (per il 28%). Ciò comporta la diversione di circa 440.000 spostamenti da auto e moto verso altri modi più sostenibili, lo shift modale rispetto al 2016 dovrà ridursi per le auto dal 57% al 41% e crescere dal 13% al 19% per il trasporto pubblico, dal 5% al 14% per la bici e dal 22% al 23% per i pedoni. Il PUMS della Città metropolitana di Bologna ha come ambito territoriale di riferimento l’intero territorio metropolitano, e quindi intende rispondere alle esigenze di mobilità degli oltre 1.000.000 di cittadini che lo popolano distribuiti in 55 Comuni e di tutti gli altri soggetti che quotidianamente si muovono al suo interno.

Vinciamo insieme le sfide per una PA che funzioni meglio! Segnala la tua soluzione!

Menú utente

Statistiche

Numero di soluzioni 1447
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?