Progetto [email protected] Hospital at Home

reinvelth e-health

Il Progetto [email protected] hospital at home è un sistema di telemedicina web based progettato per consentire la continuità di cura in regime di deospedalizzazione protetta per soggetti anziani, per lo più allettati o affetti da patologie che richiedono un alto livello di assistenza abbinato al monitoraggio clinico.
Hospital at Home costituisce un vero e proprio network che consente il monitoraggio e l’assistenza dei pazienti, in tempo reale, sfruttando, per la comunicazione dati, la sola connessione internet. Il sistema permette di interfacciare tramite web le unità dislocate presso i domicili/ambienti di cura dei pazienti o ambulatori medici, con una unità centrale server. Tutta l’applicazione è costruita per essere accessibile attraverso un portale web tramite un qualsiasi web browser. Questo consente una versatile e facile interazione operatore - paziente tale da permettere una reale integrazione tra Struttura Ospedaliera, Medici di Famiglia, Strutture Specialistiche e Territorio.
Infatti l’accesso al sistema, pur mantenendo altissimi livelli di sicurezza, può essere effettuato dal personale autorizzato senza la necessità di applicativi specifici, ma semplicemente attraverso l’autentificazione del soggetto.

Descrizione dei bisogni che si è inteso/si intende soddisfare e dei destinatari del progetto: 
telemonitoraggio dei pazienti a domicilio, riduzione dei ricoveri ospedalieri, riduzione dei costi di degenza ospedaliera, integrazione ospedale-territorio
Descrizione del team/partnership di progetto, delle risorse e delle competenze: 
Il Progetto [email protected] Hospital at Home nasce dalla collaborazione tra Item Oxygen Srl, Ospedale Ecclesiastico Regionale Miulli di Acquaviva delle Fonti (Ba), Centro di Progettazione design e tecnologie dei materiali "Cetma", Regione Puglia. Il progetto prevedeva l "Intervento cofinanziato dall'U.E. - F.E.S.R. sul P.O. Regione Puglia 2007-2013- Asse I - Linea 1.1 "Aiuti agli investimenti in ricerca per le PMI".
Descrizione della tecnologia adottata identificando gli elementi di interoperabilità: 
il sistema [email protected] hospital at home è composto da un modulo domicliare e un centro servizi. Il modulo domiciliare ha fome comparabili a quelle di un comodino e al suo interno è allocato un concentratore di ossigeno per i pazineti che hanno necessità di somministrazione di O2. IL DISPOSITIVO CONSENTE DI MONITORARE I SEGUENTI PARAMETRI: sPo2, Frequenza cardiaca, ECG a 5 derivazioni, Temperatura, Pressione, Frequenza respiratoria. Il centro servizi gioca un ruolo princiaple nel monitoraggio e nella rilevazioni di eventuali criticità nel paziente. Il centro servizi consente di monitorare in tempo reale ciasun paziente identificando variazioni sui parametri vitali, controllo e interazione con le unità domiciliari, storicizzazione dei dati e accesso da remoto al sistema da parte degli operatori autorizzati. Il centro servizi è il centro nevralgico del network
Descrizione del time to market della soluzione intesa come trasferibilità: 
sono stati avviati dei progetti pilota nella ASL BARI e ASL BRINDISI , che hanno visto utilizzo delle tecnologie "hospital at home" che hanno fornito ottimi risultati dal punto di vista clinico organizzativo ed economico. Altre sperimentazioni effettuate in Regione Puglia con altrettanti risultati ottiminali ottenuti. Da tali risultati,le amministrazioni hanno evidenziato che tali progetti possono essere estesi a livello nazionale.
Descrizione degli investimenti stimati per la valutazione di sostenibilità: 
Si mettono a confronto i costi relativi all’introduzione del sistema [email protected] hospital at home in regime di deospedalizzazione protetta con i costi associati al ricovero ospedaliero; in particolare si fa riferimento ad un paziente in terapia sub-intensiva. Nel caso delle home care con sistema [email protected] hospital at home i costi considerati sono:  Spesa relativa al costo del singolo dispositivo (comprensivo di piattaforma server per l’interconnessione web) pari a circa 27,000€/paziente da affrontare una tantum o un costo giornaliero di circa 40€/die se utilizzato con formula in affitto.  Costo del personale sanitario, in particolare assistenza infermieristica domiciliare giornaliera di circa 50€ e visita medica specialistica di circa 100€ ma solo in caso di visita in emergenza. Il costo relativo all’intervento medico in caso di emergenza non viene considerata nella valutazione, perché è pressappoco di pari entità anche nel caso di ricovero ospedaliero, perciò non influente nel confronto.

Statistiche

Numero di soluzioni 1324
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?