Progetto PA ++

Per una Pubblica Amministrazione + mobile e + usabile.

Il Gruppo di Lavoro per l’Usabilità (GLU) coordinato dal Dipartimento funzione pubblica della Presidenza del Consiglio dei Ministri ha avuto l'obiettivo di definire e sperimentare uno strumento metodologico che supportasse le attività di progettazione e sviluppo editoriale dei siti pubblici nella valutazione delle criticità di navigazione e interazione con gli utenti.

Con l'impegno coordinato di PA impegnate nella gestione di processi di qualità dei siti web, di soggetti del mondo accademico, della ricerca e delle società pubbliche di servizi informatici e di certificazione, il GLU ha messo a punto il Protocollo eGLU, guida per la realizzazione di test semplificati di usabilità per non addetti, attualmente disponibile nella versione 2.1.

Il progetto PA ++ si pone come uno dei possibili e naturali percorsi verso il perseguimento di importanti obiettivi delle politiche pubbliche dell'e-government, dell'agenda digitale e dell'open data con riferimento alla loro saldatura con i temi e i metodi dell’usabilità.

A tal fine, il progetto si prefigge di estendere il servizio di valutazione dell’usabilità fornito dal laboratorio dell’Istituto Superiore delle Comunicazioni e delle Tecnologie dell’Informazione (ISCTI), sia attraverso il consolidamento delle metodologie e delle procedure di prova, sia tramite l’acquisizione di nuove strumentazioni e non ultimo, anche con la realizzazione di applicazioni software ideate e sviluppate nell’ambito dello stesso progetto.

Obiettivi, destinatari e contesto: 

Il progetto PA ++ è articolato in 3 settori di macro‐attività. L’attività A è stata rivolta allo studio e alla individuazione di metodologie adeguate all’inclusione digitale. In particolare si è sperimentato una metodologia di test di usabilità in linea con gli schemi e i principi dei protocollo eGLU. L’attività ha previsto anche la sperimentazione dei tool tramite sessioni di test di usabilità con utenti normodotati e con disabilità sensoriale e motoria. L’attività B ha avuto come obiettivo la realizzazione di un tool open source per l’analisi automatica o semi automatica dei dati acquisiti nelle sessioni di test di usabilità di siti web della PA, fruibili sia da PC che da dispositivi mobili. Lo scopo principale è stato quello di realizzare uno strumento che possa essere distribuito alle PA in forma gratuita. L’attività C riguarda attualmente gli aspetti legati alla sensibilizzazione e alla formazione del personale della PA sulle tematiche di inclusione digitale e di usabilità.

Vinciamo insieme le sfide per una PA che funzioni meglio! Segnala la tua soluzione!

Menú utente

Statistiche

Numero di soluzioni 1447
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?