Progetto SEMPLICE

SEmantic web for Public Administration and CitizEns

Semplice è un progetto finanziato con fondi europei dal Bando PorCreo 2012 della Regione Toscana. E' ideato e portato avanti da una partnership pubblico privata: vi partecipano le aziende 01s s.r.l., Bnova s.r.l., Seacom s.r.l. e l'Università di Pisa – Dipartimento di filologia, letteratura e linguistica. Partecipa come fornitore anche l'Università LIUC – Centro ricerca servizi territoriali. Obiettivo di Semplice è realizzare una piattaforma di servizi informatici per la gestione e l’organizzazione ragionata delle informazioni strutturate e non strutturate della P.A.. In particolare, il Progetto mira a fornire agli enti pubblici due diversi tipi di servizi: 1)strumenti di analisi semantica che consentano alla P.A. di gestire in modo smart, innovativo ed efficiente il patrimonio documentale pubblico. Le funzionalità disponibili per l'utente sono così sintetizzabili: smart documents: analisi linguistica automatica del testo ed estrazione di entità e concetti espressi da termini semplici e complessi; elaborazione del fascicolo elettronico con estrazione automatica dei metadati e con auto-propoposizione di documenti “candidati”; knowledge discovery: classificazione automatica dei contenuti su ontologie; navigazione dei documenti in virtù di associazioni semantiche; possibilità di consultazione dei documenti per “argomento”; trasparency on LOD: supporto nella elaborazione di dataset pubblicabili in formato Linked Open Data, anche per supportare l'adempimento degli obblighi di trasparenza. 2)un sistema di supporto alla programmazione degli interventi, alla misurazione della performance interna e al rating della PA . Si vuole elaborare un prodotto sperimentale per il supporto alla programmazione delle decisioni dell’organo politico pubblico, nonché per il rating del medesimo, fondato su un modello, di natura economico-statistica, elaborato dall’Università LIUC. Gli strumenti sperimentati vogliono supportare, nella governance dell’Ente Locale, i processi di analisi ed interpretazione dei fenomeni, programmazione, attuazione degli interventi. Il primo scopo del progetto, in questo senso, è sistematizzare il patrimonio informativo pubblico. Le informazioni disponibili alimenteranno un sistema di indicatori, le cui rappresentazioni saranno fruibili tramite semplici report che forniranno un quadro analitico del sistema territoriale, economico e sociale, di utile supporto all’organo politico per una consapevole programmazione degli interventi. Entrambi i servizi perseguono l'obiettivo di utilizzare i dati preesistenti con tecniche smart, in modo da: rendere gli Enti consapevoli dell'enorme patrimonio di dati che posseggono e ricavare da essi nuove conoscenze; semplificare l'azione amministrativa; fornire agli amministratori strumenti utili a conoscere il proprio territorio e i bisogni della popolazione, nonché a organizzare in modo più consapevole la programmazione di investimenti, con modelli previsionali relativi ai possibili effetti degli stessi.

Obiettivi, destinatari e contesto: 

Il progetto su rivolge a Comuni ed Unioni di Comuni, ma le caratteristiche della tecnologia utilizzata non impediscono di applicarla anche ad altri Enti. Le Pubbliche Amministrazioni che partecipano alla sperimentazione sono il Comune di Firenze (FI), Il Comune di Sansepolcro, (AR) il Comune di Sesto Fiorentino (FI), l'Unione dei Comuni della Valtiberina Toscana (AR) ed il Comune di Città di Castello (PG).

Vinciamo insieme le sfide per una PA che funzioni meglio! Segnala la tua soluzione!

Menú utente

Statistiche

Numero di soluzioni 1447
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?