Promozione dei corretti stili alimentari nella popolazione carceraria

Alimentazione e conoscenza in carcere

Il progetto, innovativo nell’accomunare i detenuti e tutti gli operatori dei penitenziari, in un percorso di promozione di un corretto stile alimentare, costruisce l’opportunità che ognuno possa perseguire il benessere e replicarlo nel proprio contesto sociale e familiare. Si pone l’accento sulla rilevanza della ricaduta positiva sulla salute attraverso la prevenzione e la cura delle patologie alimentazione-correlate e croniche, sia in ambito di salute pubblica che nel complesso contesto dei penitenziari, con benefici attesi in termini di diminuzione di terapie farmacologiche e approfondimenti diagnostici. Di grande interesse inoltre la replicabilità in tutte le realtà penitenziarie.

Obiettivi, destinatari e contesto: 

1) Incontri di counseling di gruppo per detenuti, agenti di polizia penitenziaria e tutti gli operatori; 2) Valutazione dei piani nutrizionali dei detenuti e per la mensa aziendale e revisione in accordo con le linee guida per una sana alimentazione italiana e ai LARN; 3) Consulenza dietetica individuale per patologie correlate all'alimentazione e relativo piano nutrizionale personalizzato, compilazione di piani nutrizionali specifici per patologie legate all'alimentazione e per motivi etico-religiosi; 4) Corsi di formazione per figure di riferimento che abbiano, oltre le competenze specifiche, caratteristiche comuni al promotore di salute e all’operatore di strada, in grado di assicurare relazione individuale, ascolto, guida, orientamento, sostegno, collaborazione, partecipazione, coinvolgimento attivo dei detenuti, comunicazione fra pari. Necessario inoltre far emergere abilità , fornire competenze, favorire l’integrazione, ridurre le difficoltà legate alle differenze.

Statistiche

Numero di soluzioni 1324
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?