Re-Circle: i rifiuti che fanno muovere

La centrale di biogas consente a Fattoria della Piana di essere energeticamente autonoma. Abbiamo creato un vero e proprio ecosistema autosufficiente, capace di produrre energia dagli scarti dell’industria agroalimentare e zootecnica: letame e liquame delle stalle, più tutto il siero residuo dalle lavorazioni del caseificio. Cosi, tutti gli scarti agricoli vengono trasformati in fonte energetica mentre i resti della fermentazione diventano concime organico per i foraggi che alimenteranno poi gli allevamenti. Il prossimo passo sarà l’introduzione al biometano. Con lo sfruttamento del biometano l’azienda abbatterà i costi per carburanti e diminuirà le emissioni inquinanti dovute all’uso del gasolio. Per i mezzi stradali per il trasporto dei prodotti caseari l’azienda utilizzerà il biometano prodotto autonomamente nell’impianto di digestione anaerobica.

Obiettivi, destinatari e contesto: 

Gli obiettivi che Fattoria della Piana intende perseguire sono i seguenti: minore dipendenza dalle fonti energetiche non rinnovabili; abbattimento costi energetici aziendali; abbattimento emissioni inquinanti. L’utilizzo di questa tecnologia non si ferma al solo risparmio aziendale ma si pone come modello di eco sostenibilità, trasformando in risorsa ciò che normalmente è considerato scarto. L’energia elettrica prodotta dal nostro ecosistema viene già immessa su rete nazionale e copre il fabbisogno energetico di 2.680 famiglie. Attraverso l’introduzione del biometano si prevede di ottenere una più ampia copertura.

Statistiche

Numero di soluzioni 1324
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?