Registro Nazionale degli aiuti di Stato

Il portale italiano per i controlli amministrativi per la concessione degli aiuti pubblici

Il Registro Nazionale degli Aiuti di Stato è il sistema adottato dall'Italia per rafforzare, rendere trasparenti ed efficaci i controlli amministrativi necessari per concedere agevolazioni nella forma di Aiuti di Stato o aiuti in «de minimis». Prima di una concessione il Registro evidenzia le agevolazioni già concesse al soggetto richiedente, intercettando casi di superamento dei massimali o di cumulo con agevolazioni già concesse. Il Registro dispone di un'ampia sezione trasparenza con tutte le misure di aiuto, gli aiuti individuali concessi e la cosiddetta lista Deggendorf, elenco dei soggetti che non possono ricevere erogazioni per aiuti finché non hanno restituito un aiuto illegittimamente ricevuto. Il Registro è finanziato con le risorse del Programma Operativo Nazionale Governance 2014-20. E' utilizzato da tutti i soggetti, Pubblici o Privati, che dispongono agevolazioni a soggetti economici.

Obiettivi, destinatari e contesto: 

Tutti i soggetti pubblici e privati che gestiscono risorse di natura pubblica destinate ad agevolazioni e incentivi alle imprese nella forma di aiuti in de minimis o di Aiuti di Stato, come da regolamenti comunitari. Rientrano tra i soggetti gestori di aiuti le Amministrazioni centrali e periferiche dello stato nonché gli istituti ed agenzie nazionali e periferici, le camere di commercio ed in generale i soggetti pubblici e privati che operano con risorse pubbliche la cui finalizzazione come incentivi o agevolazioni alle imprese è regolata dalle norma in materia di Aiuti di stato e in de minimis. Potenzialmente diverse migliaia di soggetti.

Statistiche

Numero di soluzioni 1300
Opinione più recente Le barriere iniziano crollare!!!!
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?